Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 28 Giugno 2016

Bookmark and Share

Nei Suoni dei Luoghi 2016: si parte l'8 luglio da Aquileia, arrivo il 28 dicembre a Tarvisio

di Claudio Bisiani

Un momento della conferenza stampa di presentazione in Regione

Udine (UD) - Più di cento artisti provenienti da 12 Paesi per un totale di 34 concerti in altrettanti luoghi suggestivi e talvolta poco noti – fra ville, giardini, piazze, chiese, teatri, castelli – sparsi tra Friuli Venezia Giulia, Veneto e Slovenia. Sono questi in sintesi i numeri della 18ª edizione del Festival musicale internazionale “Nei Suoni dei Luoghi", organizzato dall’associazione Progetto Musica, in programma dall'8 luglio al 28 dicembre 2016. Una rassegna che fa della destagionalizzazione, dell'accessibilità e della promozione del territorio le sue parole chiave e che in più quest'anno potrà contare su alcune nuove collaborazioni: con l'Ert FVG per il concerto a Casarsa del 28 ottobre (l'unico a pagamento), con il Liceo musicale “Caterina Percoto” di Udine e con il prestigioso Mozarteum di Salisburgo, che vedrà l'esibizione di alcuni suoi allievi negli appuntamenti a Campolongo Tapogliano (31 agosto) e a Sacile (23 settembre).

Queste neonate collaborazioni andranno quindi ad aggiungersi a quelle ormai storiche del festival con la Fondazione musicale Santa Cecilia di Portogruaro, con la Fondazione Bon, con il concorso internazionale “Piano/Fvg” e con l'Istituto Rittmeyer di Trieste che riproporrà il suggestivo “Concerto al Buio” (venerdì 14 ottobre). E viene riconfermata, inoltre, anche la sinergia di “Nei Suoni dei Luoghi” con “Cariarmonie” e il Festival Musicale internazionale di Portogruaro.
«La manifestazione - ha spiegato infatti Loris Celetto, direttore generale dell'associazione “Progetto Musica” - non ferma la sua crescita. Anche quest'anno siamo riusciti a realizzare un cartellone che destagionalizza il festival, tanto che un terzo dei concerti sono stati calendarizzati anche dopo l'estate. Rinnovata anche la rete che unisce Nei Suoni dei Luoghi, Carniarmonie e il Festival Musicale internazionale di Portogruaro in un unico circuito capace di offrire al pubblico in pochi mesi quasi 100 concerti nel Triveneto».

Nei Suoni dei Luoghi 2016 – che offrirà una variegata tipologia di generi tra repertorio classico, musica etnica, balcanica, folk e jazz – partirà venerdì 8 luglio (ore 20.45) da piazza Capitolo ad Aquileia con il progetto “Folk Songs” del Gruppo Musica Contemporanea Steffani e proseguirà il 10 luglio (ore 21) nel piazzale del Castello di Udine con il concerto del percussionista Simone Rubino, primo italiano a vincere nel 2014 il concorso internazionale ARD di Monaco di Baviera. Tappa finale della rassegna il 28 dicembre nella Chiesa dei SS. Apostoli Pietro e Paolo di Tarvisio con l'esibizione del duo Visentin-Furukubo (violino e pianoforte).

Il direttore artistico del festival, il maestro Enrico Bronzi, ha ricordato come “Nei Suoni dei Luoghi” sia innanzitutto un'opera di scouting musicale, «una vetrina dei migliori giovani artisti di un vasto territorio che va dal Veneto ai Balcani, fino a Tirana. Ai giovani straordinari che animano i conservatori e le accademie musicali si aggiungono poi alcuni importanti protagonisti della "classica": Simone Rubino, autentica stella delle percussioni; la violinista svizzera Esther Hoppe; William Coleman, del celebre Quartetto Kuss; il Trio di Parma; Alessandro Taverna, astro nascente del panorama pianistico italiano e fresco del debutto alla Scala di Milano, il duo Turrin-Baldini».

Illustrando nel dettaglio il cartellone 2016, Bronzi ha messo l'accento su alcuni appuntamenti di particolare rilievo. A cominciare dal «gradito ritorno in regione del Trio di Parma che si esibirà a Tarcento sabato 8 ottobre. Merita una segnalazione anche il concerto di lunedì 25 luglio al Castello di Gorizia con il duo Turrin-Baldini. Il primo, pianista, insegnante e direttore del Conservatorio di Trieste e il secondo già primo violino dell'Orchestra del Verdi di Trieste e oggi primo violino di quella di San Paolo del Brasile. Si esibiranno con un programma dedicato a Beethoven, Copland e Ginastera. Gradito ritorno, martedì 26 luglio a San Giovanni al Natisone, della Sinfonietta Movie Ensemble. Dopo lo strepitoso successo degli scorsi anni è diventato un appuntamento fisso del festival, con un repertorio che si compone delle più famose colonne sonore del cinema. La formazione - un quintetto d’archi, un sax, una tromba, un trombone, un pianoforte e un percussionista, scelti tra i migliori strumentisti del Triveneto - nasce nel 2013 da un’idea della violinista Valentina Danelon e del pianista Ferdinando Mussutto».

«Quest'anno - ha proseguito il direttore artistico del festival - saranno due i concerti in Slovenia, venerdì 26 agosto al Castello di Kromberk a Nova Gorica con il talentuoso chitarrista serbo Milos Zubac e venerdì 2 settembre a Vipolze con il trombettista Nedeljko Djordjevic e la pianista Rada Pecanac, che proporranno un programma interessante in gran parte con musiche composte o ispirate all'area balcanica e dell’est Europea, dei compositori Grgin (Serbia-Croazia), Enesco (Romania) e Hidas (Ungheria), e con il più celebre Shostakovich, tra i massimi esponenti della musica russa del '900».

«Altra chicca di questa edizione - ha aggiunto Bronzi -, in programma venerdì 2 dicembre al Nuovo Teatro Comunale di Gradisca, sarà la presenza di Alessandro Taverna, astro nascente del panorama pianistico italiano e fresco del debutto alla Scala di Milano. Indicato dalla critica musicale inglese come “successore naturale del suo grande connazionale Arturo Benedetti Michelangeli”, Taverna possiede una creatività musicale capace di “far sorgere un sentimento di meraviglia come una visita alla sua nativa Venezia”. Quando nella finale del Concorso pianistico internazionale di Leeds ha eseguito il Primo Concerto per pianoforte di Chopin, “tutto è stato pervaso di solenne bellezza: sono stati impeccabili minuti di intensa poesia!” ha commentato il quotidiano britannico The Independent».

Nel corso della conferenza stampa di presentazione di “Nei Suoni dei Luoghi 2016” sono intervenuti anche l'assessore regionale alla Cultura Gianni Torrenti, il direttore generale dell'associazione “Progetto Musica” Loris Celetto e il vicepresidente della Federazione delle BCC del FVG Roberto Tonca.

Il festival è realizzato grazie al contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, delle Banche di Credito Cooperativo del FVG e in collaborazione con la Fondazione Musicale Santa Cecilia, la Fondazione Bon, l’Ert FVG, il Kulturni Dom di Nova Gorica, il Kosovelov Dom di Sesana. E ancora con i Conservatori di Udine, Trieste e Castelfranco Veneto, con le Accademie musicali dell’Est Europa, con il Mozarteum di Salisburgo, con il Liceo musicale “Caterina Percoto” di Udine, con l’associazione Piano/FVG, con l’Istituto “Rittmeyer”Simone Rubino di Trieste e con il sostegno di molte Amministrazioni comunali del Friuli Venezia Giulia, della Fondazione Crup e della Fondazione Carigo.

Tutti i concerti sono a ingresso libero e gratuito (ove diversamente indicato) fino ad esaurimento dei posti disponibili. Per maggiori informazioni e per il calendario completo del festival è consultabile il sito www.neisuonideiluoghi.it.

Leggi le Ultime Notizie >>>