Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Universo Buenos Aires: Borges e Piazzolla allo specchio
Parco Coronini Cronberg
Gorizia
Il 22/06/19
Buenos Aires
Note in Città 2019, Stagione concertistica itinerante negli scenari suggestivi di Gorizia e Cormòns
Parco Coronini
Gorizia
Dal 28/06/19
al 13/09/19
Rainbow of Magic Harps
Luigi Merola - Eterogeneo susseguirsi di cementonatura
Spazio Espositivo EContemporary
Trieste
Dal 21/06/19
al 07/09/19
particolare

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Ein Prosit Grado Ein Prosit - Grado
Presso la Diga ed il Lungo Mare "Nazario Sauro" di Grado
Grado (GO)
Dal 12/07/19
al 14/07/19

Cultura > Musica > 11 Giugno 2016

Bookmark and Share

“Barocco classico & Jazz classico”: recital pianistico di Dimitri Romano alla Sala Tartini

Dimitri Romano

Trieste (TS) - Nel segno dell’improvvisazione, con una serata musicale di grande interpretazione pianistica prosegue la Stagione concertistica primavera – estate 2016 del Conservatorio Tartini di Trieste: lunedì 13 giugno, nella rinnovata Sala Tartini alle 20.30 il cartellone, dedicato a “Blanc et noir” e quindi alla magia della tastiera, propone il concerto del pianista Dimitri Romano, interprete noto e apprezzato sulla scena musicale nazionale, attualmente docente al Conservatorio Tartini. “Barocco classico - Jazz classico” titola il piano recital che spazierà su musiche di compositori come Keith Jarrett ("The Köln Concert" - Parte I), Johann Sebastian Bach (Toccata in mi minore BWV 914), Domenico Scarlatti (Sonata in si minore L. 347) e George Gershwin ("Rhapsody in Blue"). Entusiasmante il denominatore comune del repertorio in scaletta: la musica barocca, così come il jazz, trova nell’improvvisazione e nell’estro dell’interprete il valore aggiunto per vivificare, rinnovare e vivacizzare le partiture del testo musicale originale che in tal modo risulta trasfigurato e rinnovato.. Come sempre l’ingresso è libero, previa prenotazione (info: tel. 040.6724911, www.conts.it).

Diplomatosi con lode al Conservatorio Marcello di Venezia con Vincenzo Pertile, Dimitri Romano ha proseguito gli studi presso la "Scuola di Alto Perfezionamento" di Saluzzo (CN) e successivamente all'Accademia di Musica di Losanna con Jean Bernard Pommier, Bruno Canino ed inoltre ha incontrato e raccolto gli insegnamenti di altri grandi maestri tra i quali Sergiu Celibidache. Dedito al repertorio classico così come al repertorio contemporaneo e del ‘900 storico, ha suonato come solista con l’Orchestra del Teatro La Fenice al Teatro Malibran di Venezia sotto la direzione di Marcello Viotti, ed inoltre al Teatro Comunale di Treviso, al Teatro delle Erbe ed al Teatro Carcano di Milano, al Teatro della Pergola di Firenze, al Carignano di Torino, all'"Arena del Sole" di Bologna, al "Donizetti" di Bergamo, al Teatro Sociale di Mantova, al Teatro Nuovo di Verona, al Teatro stabile "Duse" di Genova, al Teatro Grande di Brescia, al Teatro Olimpico di Vicenza ecc. Ha suonato nelle stagioni artistiche di St. John’s Smith Square a Londra, del Teatro "Her Majesty’s" di Ballarat (Australia), delle "United Church" di Melbourne, di Castel Sant’Angelo a Roma, del "Rossini Festival" a Wildbad (Stoccarda); sempre come solista ha collaborato con l’Orchestra del Teatro di Maribor, con l’Orchestra "Musiké" di Durham (Inghilterra) con la direzione di Jean-Bernard Pommier , con l’Orchestra di Padova e del Veneto, con l’Orchestra Filarmonia Veneta, con l’Orchestra "OSUG"di Guanajuato (Messico), con l'Orchestra da Camera "Gruppo d’Archi Veneto", con l’Orchestra "J. Futura" per il Festival Internazionale di Musica Contemporanea di Lubiana con la direzione di Anton Nanut ecc..

Svolge anche un' intensa attività cameristica con varie formazioni collaborando con importanti musicisti quali il violinista Pierre Amoyal, il flautista Roberto Fabbriciani, il pianista-direttore Jean-Bernard Pommier, il violoncellista Adalbert Skocic, l’Ensemble '900 di Treviso. Il suo repertorio spazia da Scarlatti a Cage, Varèse, Nono e ad altri autori contemporanei, comprendendo anche il repertorio jazz classico da Gershwin fino a Keith Jarrett. Ha inciso come solista per le etichette discografiche Rivoalto, Stradivarius, Videoradio di Milano e, con il bass-bariton Lorenzo Regazzo, ha registrato per l’etichetta francese Forlane il CD "Chante Venise" con il quale ha ottenuto dall’Accademia del disco lirico, il premio internazionale "Georges Till" - Orfeo d’oro 2004 - per la migliore interpretazione di musiche legate a Venezia. Ha insegnato nei Conservatori di Brescia, Cosenza, Venezia, Firenze, Bari, Trapani e Sassari. Attualmente è docente al Conservatorio "G. Tartini" di Trieste.

Leggi le Ultime Notizie >>>