Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

vedrai colori che son contenti. elisa vladilo. interventi ambientali 1995-2019
Palazzo Costanzi - Sala Veruda
Trieste
Dal 08/02/20
al 01/03/20
Elisa Vladilo, My favourite place, Trieste, Molo Audace, 2007 (courtesy l'artista)
Lucio Fontana e i mondi oltre la tela
Galleria Comunale d’Arte Contemporanea
Monfalcone
Dal 08/12/19
al 02/03/20
Lucio Fontana, Concetto spaziale, teatrino, 1965-66
A SACILE GLI EX-ALLIEVI DEL TOTI DI TRIESTE CON LA NUOVA ESILARANTE COMMEDIA “LE NOZE DE VIRGINIA”
Teatro Ruffo
Sacile
Il 01/02/20
Scenario_Le noze de Virginia

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
www.castellodibuttrio.it Il the della domenica al castello di Buttrio
Buttrio (UD)
Dal 01/01/20
al 29/03/20
enogastronomia Festa delle Cape
Piazza Marcello D'Olivo - Pineta
Lignano Sabbiadoro (UD)
Dal 07/03/20
al 15/03/20

Notizie > Manifestazioni > 02 Giugno 2008

Bookmark and Share

“La poesia per immagini” e “Lavoro liquido”: anteprima di Absolute Poetry 2008 al Teatro Comunale

Absolute Poetry 2008

Monfalcone (GO) - Martedì 3 giugno, con un’anteprima dedicata al rapporto fra poesia ed immagini, Absolute Poetry 2008 schiude le porte dei suoi Cantieri Internazionali di Poesia, in attesa che, i giorni successivi, il palcoscenico del Teatro e gli altri luoghi del Festival siano animati da poeti, musicisti ed artisti provenienti da tutto il mondo.
E mentre il sito “www.absolutepoetry.org” supera, nel mese di maggio, la quota di 30.000 visitatori (la pagina più letta è quella con il programma del Festival), sono due gli eventi in programma martedì 3 giugno, al Teatro Comunale di Monfalcone, a partire dalle ore 16.30, entrambi ad ingresso libero: “La poesia per immagini” e “Lavoro liquido”.
La poesia per immagini è dedicato all’articolato rapporto che da tempo lega e contamina la poesia e le altre arti, in particolare quelle visive, e presenta una significativa selezione, che spazia dal documentario alla videoarte, del panorama audiovisivo italiano dedicato alla poesia o da questa direttamente generato.
La rivoluzione digitale, permettendo la diffusione di massa di una serie di tecnologie di registrazione, ha messo in stretta connessione il mondo audiovisivo con quello della poesia, favorendo il suo interfacciarsi anche con il cinema, la videoarte e i new media. In questo contesto nascono i primi video di poesia, una forma d’arte e di “scrittura” ormai diffusissima in tutto il mondo, alla quale Absolute Poetry ha riservato uno spazio fin dalla sua prima edizione.
Questi i video in programma: “Nuvolari” di Antonio Poce, un omaggio all’icona dell’automobilismo italiano che, intrecciando alla musica di Valerio Murat le poesie di
Giovanni Fontana e una serie di immagini in progress, costituisce una potente metafora della velocità; “Amelia Rosselli... e l’assillo è rima” di Stella Savino e Rosaria Lo Russo, prezioso documentario sulla poesia di Amelia Rosselli, costruito attraverso interviste all’autrice, testimonianze di poeti e letterati, letture dei suoi versi; “Nine Poems in Basilicata” di Antonello Faretta, splendida testimonianza dell’opera di John Giorno, uno dei poeti contemporanei americani più noti; “Tokio Cut Up. La poesia italiana in Giappone” di Giacomo Verde, che documenta il Festival della Poesia Italiana che ebbe luogo in Giappone nel 2001 intersecando alle registrazioni di letture e performance immagini suggestive della città; “Questo è un appunto importante” di Sparajurij Lab, autore collettivo torinese (il cui nome si ispira ad un pezzo dei CCCP) che da diversi anni si propone di “produrre scrittura totale e lavorare su più fronti”; “Una poesia fragile e temeraria” di Daniela Rossi, il documentario, co-prodotto dal Festival e presentato in prima assoluta, dedicato a Patrizia Vicinelli, fra i nomi più importanti della poesia italiana degli anni ‘70 ed ’80, pioniera della poesia ad alta voce prematuramente scomparsa nel 1991.
A commentare i video e a fare il punto sulla situazione della produzione audiovisiva italiana legata alla poesia, due fra le figure più originali e meno classificabili della critica, rispettivamente cinematografica e letteraria, italiana: Enrico Ghezzi e Andrea Cortellessa.
A seguire, ha luogo la proiezione di “Lavoro liquido”, del giovane regista romano Michele Cinque. Primo di una serie di appuntamenti che il Festival, in occasione del Centenario del Cantiere Navale di Monfalcone, dedica al tema del lavoro, il documentario di Cinque, che sarà presente alla proiezione, intreccia parole, musica ed immagini per raccontare il ritmo del lavoro, il suono della fabbrica.
Il film documenta la realizzazione di Makina, di cui live e backstage costituiscono il piano narrativo, concerto-racconto dedicato al mondo del lavoro e tenutosi a Bologna nel 2006 nell’ambito del Multimedia Labor Festival. Questa grande opera-poesia riunisce alcune delle voci più originali della musica, della poesia e del jazz per restituire sullo schermo gli elementi del lavoro contemporaneo, i suoi ritmi più riconoscibili, le sue dissonanze: la tradizione popolare di Lucilla Galeazzi, la tromba di Michael Gross (collaboratore, fra gli altri, di Frank Zappa), le invenzioni poetiche di Aldo Nove e quelle ritmate di Raiz, le musiche di frontiera del Balanescu Quartet; sullo sfondo, le opere della letteratura italiana, maturate nel clima della contestazione, contro lo sfruttamento e l’alienazione: “Memoriale” di Paolo Volponi e “Vogliamo tutto” di Nanni Balestrini.

Leggi le Ultime Notizie >>>