Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 30 Marzo 2016

Bookmark and Share

Presentata l'edizione 2016 del progetto “Esistenze. Laboratorio sulle età della vita”

Un momento della presentazione

Trieste (TS) - Negli anni della rincorsa all’eterna giovinezza la vecchiaia fa (più) paura. Disorienta. Cambiare l’angolo prospettico, e guardare da anziani alla galassia interetnica, tecnologica, spesso vorticosa e talvolta “bullizzata” delle nuove generazioni può essere altrettanto spaesante. Il nostro tempo e le sue regole hanno alimentato la distanza fra le età della vita. Per questo da alcuni anni CTA Gorizia promuove in Friuli Venezia Giulia “Esistenze”, l’Osservatorio sulle età della vita che realizza l’incontro fra giovani e anziani. Dal 2011 ad oggi oltre 3mila studenti e più di 600 anziani delle scuole e Case di Riposo nelle città e province di Trieste e Gorizia hanno preso parte al progetto. Anche “Esistenze” 2016 è entrato in punta di piedi, con discrezione e rispetto, nella dimensione “parallela” dell’esistenza vissuta dagli anziani e dai bambini. Il progetto, curato da Elisabetta Gustini e Roberto Piaggio, si è articolato in oltre 100 ore di laboratorio condotte insieme a 300 studenti di 15 scuole delle province di Trieste e Gorizia e con circa 50 anziani. L’edizione 2016 di Esistenze è stata realizzata con il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, in collaborazione con la Sede regionale RAI per il Friuli Venezia Giulia, con il patrocinio della Provincia di Trieste e del Comune di Trieste nell’ambito dei Piani di Zona, obiettivo 7.1 - Tavolo tematico anziani.

Tema dell’edizione 2016 era il “viaggio”: un filo rosso ispirato dalla lettura del libro di Fabio Geda Nel mare ci sono i coccodrilli, storia di Enaiatollah Akbari, dalla sua nascita in Afghanistan fino al suo arrivo in Italia. «Uno spunto che ci ha permesso di parlare del viaggio mettendo in relazione le esperienze, molto diverse e in alcuni casi anche tragiche, di bambini e anziani - spiega il direttore artistico del CTA Roberto Piaggio, ideatore di Esistenze. Dare voce a chi non ha ancora voce, o a chi pensa di averla perduta: l’infanzia e la vecchiaia. Età che vengono generalmente considerate da un lato indifese, deboli, e per un certo verso inutili, certamente molto costose e poco produttive in una società in cui quasi tutto viene misurato sul valore monetario. Due età molto diverse, con esigenze e bisogni differenti: una proiettata nel futuro, l’altra sul passato. A noi è piaciuta l’idea di provare a metterle assieme queste due età, “hic et nunc”, nel presente; e vedere come si comportano, come agiscono, che relazioni riescono a creare fuori dalle convenzioni e dagli stereotipi... Siamo partiti sei anni fa e i risultati sono stati sorprendenti. Non solo per noi, ma anche per tutti coloro che in vario modo stanno vicini agli anziani e ai bambini. In questi sei anni di lavoro ci siamo accorti di quanto Esistenze sia a tutti gli effetti un vero “work in progress” in continua evoluzione. Uno spazio “aperto” che si autodefinisce e si declina di volta in volta a seconda degli apporti che riceve». «Il rapporto diretto e interattivo tra i bambini e gli anziani incoraggia una “nuova etica” dei rapporti tra le generazioni - sottolinea ancora Elisabetta Gustini - l’arricchimento di ognuno va oltre la solidarietà di una generazione verso l’altra, fornendo occasioni di verifica dell’infondatezza degli stereotipi che caratterizzano nell’immaginario corrente la vecchiaia e l’infanzia. Esistenze si è confermato progetto innovativo e sperimentale perchè la scoperta, la conoscenza reciproca, l’aggregazione, il lavoro d’équipe hanno creato momenti di grande intensità, complicità, emozione, mettendo a confronto due periodi della vita molto diversi. L’obiettivo è ricostruire, apprezzare e mantenere i legami intergenerazionali utili a favorire sia la partecipazione attiva degli anziani alla vita sociale, sia lo sviluppo della socialità in età scolare».

Risultato concreto dell’incontro intergenerazionale sono 4 appuntamenti di un programma radiofonico prodotto dalla Rai e 12 video legati al tema del viaggio, interpretati e realizzati nel corso del progetto da giovani e anziani sotto la guida di Elisabetta Gustini, Erica Pacchioni e del video maker Francesco Termini: la presentazione, in anteprima assoluta, è in programma a Trieste, in Sala Tripcovich, giovedì 7 aprile (ore 10). L’evento, che vuole essere una festa aperta alla città e a tutti gli interessati, sarà condotto da Mario Mirasola, regista della sede regionale Rai Friuli Venezia Giulia che ha coordinato il racconto radiofonico in 4 puntate di “Esistenze - solo voce” - in onda ogni mercoledì fino al 20 aprile, intorno alle 13.30 circa sulle frequenze della Radio Rai regionale - per raccontare le storie di vita, le esperienze e le suggestioni condivise durante gli incontri. I laboratori hanno coinvolto sedici classi e una cinquantina di anziani.


INFO: www.ctagorizia.it

Leggi le Ultime Notizie >>>