Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Incontri > 16 Gennaio 2016

Bookmark and Share

“Donne e uomini in terre di confine”: lezione magistrale di Marta Verginella all'Ute di Pordenone

Marta Verginella

Pordenone (PN) - E’ affidata alla storica dell’Università di Lubiana Marta Verginella la seconda lezione magistrale promossa dall’UTE Pordenone nell’ambito della programmazione 2016, intorno ai temi del XXIV Festival Internazionale di Musica Sacra promosso da Presenza e Cultura con il Centro Iniziative culturali Pordenone. “Donne e uomini in terre di confine” titola l’intervento che Marta Verginella terrà lunedì 18 gennaio, alle 15.30, al Centro culturale Casa Zanussi di Pordenone, con ingresso aperto agli iscritti ma anche ad insegnanti e studenti.

«Guardare al nostro tempo rileggendo la straordinaria attualità della storia: questo il senso delle prime lezioni 2016 – spiegano i promotori - con l’intervento di studiosi che ricostruiscono i lasciti di fascismi, nazismi e dittature nella nostra società e nelle terre di confine dove viviamo grazie a nuovi documenti di archivi, finalmente aperti alla consultazione».

«Nel corso dell’Ottocento – spiega la studiosa Marta Verginella, anticipando i temi della sua lectio - il nazionalismo si affermò come una ideologia di legittimazione e mobilitazione capace di attrarre soprattutto il ceto medio, uomini e donne. Il suo potere di attrazione fu forte soprattutto nelle terre mistilingui e di confine come ad esempio il Litorale austriaco. L’invenzione della tradizione con cui si ribadiva la continuità della presenza della propria stirpe sul territorio dall’antichità alla contemporaneità e si attestava l’estraneità storica degli altri, rappresentò un utile strumento per la costruzione della propria comunità nazionale. Studiando le comunità nazionali in formazione e in conflitto si comprende la similitudine del processo di nazionalizzazione, che nel caso giuliano coinvolse tanto la popolazione italiana come quella slovena. Ma si comprende anche come il nazionalismo si fonda ad altre forme di lealtà che rendono l’identità nazionale debole».

Marta Verginella, triestina, è professore ordinario di Storia del XIX secolo presso il dipartimento di storia dell’università di Lubiana. Studia le pratiche identitarie in aree multietniche e l’uso politico della storia in zone di confine.


INFO:
Centro Culturale Casa A. Zanussi Pordenone, tel 0434.365387- pec@centroculturapordenone.it, www.centroculturapordenone.it

Leggi le Ultime Notizie >>>