Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Musica > 29 Giugno 2015

Bookmark and Share

Concerto per “Laboratori sonori” con Quartetto d'archi e Nuove tecnologie al Tartini

Matteo Ghione

Trieste (TS) - Gran finale per i "Mercoledì" primavera – estate 2015: mercoledì primo luglio, alle 20.30 nella Sala Tartini del Conservatorio di Trieste (via Ghega 12), l’appuntamento è con il concerto “Laboratori sonori” che vedrà protagoniste le classi di Quartetto d’Archi del XX e XXI secolo coordinate dal prof. Andrea Amendola, e gli allievi impegnati nell’esecuzione ed interpretazione della Musica Elettroacustica per la sezione di Musica e Nuove Tecnologie, coordinata dal prof. Nicola Buso.

Nel corso della Serata saranno proposti diversi Quartetti, chiamati a interpretare pagine musicali di Arvo Pärt (“Fratres” per Quartetto d’archi - 1989) e Astor Piazzolla (Four for Tango”), affidate a Paolo Skabar e Matteo Ghione violino, Jacopo Toso viola e Ilsu Guresci violoncello; di Philip Glass con lo String Quartet n. 5 (1991) affidato a Mitja Briscik e Francesca Somma violino, Jacopo Toso viola e Davide Forti violoncello; di Steve Reich con “Different Trains” affidato all’interpretazione di Francesca Somma e Silvia Pisana Reinotti violino, Andrea Amendola viola e Davide Forti violoncello.

I quartetti si sono formati all'interno del “Laboratorio di Quartetto d'archi del XX e XXI Secolo” afferente al Biennio Specialistico di II livello del Conservatorio “G. Tartini” di Trieste. Lo scopo del corso è quello di mettere in contatto lo studente con un repertorio che raramente rientra nei programmi di studio accademici e di fornire adeguati strumenti per una corretta lettura del testo musicale e una consapevole tecnica esecutiva. Ricerca e sperimentazione sono gli elementi che da sempre caratterizzano l'evoluzione del linguaggio musicale: grazie alle nuove tecnJacopo Tosoologie e all'interazione che offrono con gli strumenti classici si apre un affascinante universo sonoro nel quale le possibilità offerte dalla tecnologia sono pressoché infinite, ma il ruolo degli strumenti classici e dell'interprete si confermano ancora insostituibili.

Ingresso libero previa prenotazione (info tel. 040.6724911, www.conservatorio.trieste.it).

Leggi le Ultime Notizie >>>