Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 18 Marzo 2015

Bookmark and Share

Danceproject Festival 2015: gli appuntamenti del 19, 20 e 21 marzo

DanceProjet Festival 2015

Trieste e Nova Gorica (--) - La dodicesima edizione del Danceproject Festival entra nel vivo giovedì 19 marzo con la conferenza di Claude Coldy, l'inventore della danza sensibile, per poi spostarsi a Sampeter (Nova Goriza) per una serie di eventi e proporre, infine, sabato 21 una lettura scenica interpretata da Giorgio Amodeo.

Giovedì 19 marzo (ore 20.00) presso l'ACTIS di via Corti 3/a, conferenza sulla Danza Sensibile con il coreografo Claude Coldy. La Danza Sensibile® è una pratica di movimento cosciente che intende condurre ad una maggiore conoscenza di sé, del proprio corpo, delle proprie sensazioni ed emozioni. Tale pratica allena corpo e mente all’ascolto profondo dei messaggi del corpo. Essa propone inoltre di rivisitare alcune tappe fondamentali dell’evoluzione, rivivendo consapevolmente il processo di verticalizzazione dell’essere umano, in maniera da ritrovare il senso e la potenzialità contenuti nella forma e nella struttura dei nostri corpi. Durante la conferenza verranno proiettati dei filmati sulla danza sensibile Seguirà il seminario condotto da Claude Coldy dal 17 al 19 aprile 2015 ad Ancarano (SLO).

Venerdì 20 marzo (ore 19.00) Sempeter – Nova Gorica (Slovenia) presso l’Ente pubblico per la cultura di Sempeter Vrtojba si terrà l'inaugurazione della mostra fotografica “scatti sul Danceproject” con le opere di Gabriele Gelsi, Rossana Giorgi, Claudio Puja, Marcello Scrignar. A seguire performance di danza contemporanea con le allieve del laboratorio condotto da Daša Grgič e del laboratorio dell’ACTIS condotto da Ambra Cadelli. Chiuderà la serata una proiezione di filmati di video danza a cura dell’Associazione Coreofficina.

Sabato 21 marzo ore 19.00 presso lo spazio eContemporary di via Crispi 28 a Trieste: “Quando Voltaire incontrò Shahrazad” lettura scenica con Giorgio Amodeo, testo di Gabriella Chmet. Un decaduto Voltaire privo di entusiasmo, sconfitto rivoluzionario della sua generazione, cinico intellettuale ateo e borghese, insegue la moderna Sharazade del Medio Oriente, sorta dalle ceneri delle tragedie contemporanee, come una fenice rabbiosa. Il difficile incontro tra due mondi, due culture, due differenti sistemi di vita.


INFO/FONTE:
Ufficio Stampa DanceProject Festival
info@actistrieste.org
www.danceprojectfestival.it
tel. 0403480225

Leggi le Ultime Notizie >>>