Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Incontri > 27 Settembre 2014

Bookmark and Share

Irse FVG: ripartono dal 1° ottobre gli incontri del ciclo “Affascinati dal cervello”

Affascinati dal cervello

Pordenone (PN) - Tornano gli incontri-dibattito su un tema cruciale della cultura scientifica: “Affascinati dal cervello” festeggia la sua 7^ edizione come sempre promossa dall’IRSE Istituto Regionale Studi Europei del FVG. Al Centro culturale Casa Zanussi di Pordenone, da mercoledì primo ottobre a giovedì 23, quattro scienziati presentano i loro saggi sul tema, affidati a importanti case editrici italiane.  Conoscere meglio per sapersi muovere in un mondo bombardato dalle notizie: gli inganni e le meraviglie del cervello raccontati da autori e saggisti che hanno esplorato il marketing del cibo, dei farmaci, delle dipendenze anche da social media.

Si parte mercoledì 1 ottobre, alle 15.30 nell’Auditorium del Centro Culturale Casa Zanussi (via Concordia 7 – Pordenone) con Salvo Di Grazia, medico chirurgo ed autore del libro “Salute e bugie” (Chiarelettere) un vero e proprio manuale per difendersi da farmaci inutili, cure fasulle e ciarlatani. Sarà proprio questo il tema centrale dell'incontro, quello di fornire un vademecum per riconoscere le vere scoperte scientifiche, saper smascherare i farmaci inutili, le fandonie di chi promette guarigioni sicure, sapersi insomma districare nella selva delle medicine alternative e ufficiali. Salvo Di Grazia oltre ad essere un medico  chirurgo ginecologo che si occupa anche di procreazione assistita, da anni è anche divulgatore ed è autore del visitatissimo blog “Medbunker” un luogo di dibattito su medicina, scienza e su i ciarlatani della salute.
Giovedì 9 ottobre si prosegue con “Cervello e dipendenze, non solo alcol e droga” incontro con Stefano Canali, docente alla Scuola Internazionale di Studi Superiori Avanzati (SISSA) di Trieste e autore, fra gli altri, di "Alter Ego. Droga e Cervello > Farmacologia delle droghe" (Università degli Studi di Cassino) e di "Emozioni e malattia" uscito per Bruno Mondadori. Non solo l'alcol e le droghe creano dipendenza ma anche il gioco d'azzardo, i social network, lo shopping compulsivo e  ci sono anche le dipendenze affettive. A dipanare la mappa delle dipendenze Stefano Canali ricercatore in Storia della Scienza al Laboratorio Interdisciplinare della  SISSA, che  si occupa in particolare di questioni riguardanti la ricerca neuroscientifica e le tossicodipendenze, temi sui quali ha realizzato mostre e documentari tradotti in più lingue. Ha scritto per Le Scienze, Mente&Cervello, Sapere, Prometeo. Ha svolto attività di consulenza in ambito regionale e nazionale sul tema delle droghe e delle dipendenze.

Cosa mettiamo nel carrello della spesa? Quanto il nostro cervello è condizionato dalle campagne pubblicitarie? A svelare i trucchi e le leggende del marketing del cibo nel incontro di giovedì 16 ottobre  sarà Dario Bressanini, docente di Scienze Chimiche e Ambientali Università dell’Insubria , e autore del  recente libro “Le bugie nel carrello” (Chiarelettere) e nel 2010 aveva pubblicato Pane e bugie, giunto alla settima edizione. Un appuntamento quindi tutto dedicato alla spesa intelligente “una sorta di “vaccino” contro i pericoli della cattiva informazione a tavola. Dario Bressanini è anche autore del popolarissimo blog “Scienza in cucina” ospitato dalla edizione italiana della prestigiosa rivista Le Scienze.

A suggellare il ciclo di incontri, giovedì 23 ottobre, le storie di grandi scienziati curiosi del mondo raccontate dall'astrofisico Amedeo Balbi autore del libro “Cercatori di meraviglia” (Rizzoli). Tutti i grandi protagonisti della storia della scienza hanno qualcosa in comune: “un’ingenua, entusiastica curiosità, l’abitudine di osservare, la consapevolezza di non possedere a priori la verità. È l’atteggiamento dei “cercatori di meraviglia” che da sempre anima chi tenta di capire il mondo interrogando direttamente la natura”.

LA PARTECIPAZIONE A TUTTI GLI INCONTRI È GRATUITA. È comunque gradita l’iscrizione, facendo pervenire i propri dati alla Segreteria Irse. irse@centroculturapordenone.it tel 0434 365326 Gli studenti universitari e delle Scuole superiori che desiderano un certificato di frequenza devono richiederlo al momento dell’iscrizione. Il programma è inserito come Progetto Speciale dell'IRSE anche all’interno del calendario dell'anno accademico 2014-2015 dell’Università della Terza Età di Pordenone.

Leggi le Ultime Notizie >>>