Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Musica > 28 Luglio 2014

Bookmark and Share

A TriesteLovesJazz il trio acustico di Grafitti e le atmosfere esotiche di Castelli

Marco Castelli (foto di Andrea Levorato)

Trieste (TS) - Continua con i tutto esaurito e con la partecipazione di firme assolute (come quella di John Scofield, chitarrista storico e venerato in tutto il mondo) il festival TriesteLovesJazz: e la serata del 29 luglio, ancora in piazza Verdi, è dedicata a due nuovi progetti, entrambi figli di grande perizia, ottimo talento e ricerca originale del suono.

A iniziare la serata è l’EMANUELE GRAFITI TRIO “ZEN GARDEN” - Emanuele Grafitti (classic & acoustic guitars); Fausto Beccalossi (accordion); Maurizio Camardi (soprano & sopranino sax, duduk). Con questo progetto il giovane Emanuele ufficializza la sua presenza nello scenario nazionale del jazz. Classe 1992, dopo essersi diplomato al Conservatorio Tartini di Trieste, ha vinto nel 2009 il premio Franco Russo per talenti emergenti e nel 2010 il concorso “Porsche Live – Giovani e Jazz”, in duo con l’altrettanto giovane Daniele Raimondi, trombettista della sua città. Questo trio davvero bene assortito, che privilegia la naturalezza dei suoni acustici, rappresenta l’ultima importante tappa di una maturazione artistica sorprendentemente veloce ed originale.

Segue ancora un progetto appena “sfornato”: si tratta del MARCO CASTELLI QUINTET “PORTI DI MARE” - Marco Castelli (saxes); Alfonso Santimone (piano); Edu Hebling (bass); Andrea Ruggeri (drums, perccussion); Marco Vattovani (drums). Il Quintetto di Marco Castelli, riconosciuto sassofonista, sempre alla costante ricerca di suoni inediti e personali, si muove in uno spazio creativo tra jazz e musica popolare; la sonorità della band oltrepassa il linguaggio esclusivamente jazzistico esprimendo così un universo sonoro molto personale sia nelle composizioni originali che nella scelta degli autori. Nel 2014 Marco Castelli ha registrato il nuovo Cd dal titolo “Porti di Mare”, che uscirà in autunno: Zanzibar, Tunisi, Dakar, titoli dedicati ai luoghi dove Marco Castelli, che ha all’attivo tour in più di 40 paesi, ha avuto modo di suonare e che hanno ispirato le composizioni protagoniste di questa nuova uscita discografica e del repertorio proposto nei concerti dell’anno in corso.


INFO/FONTE: Ufficio Comunicazione Casa della Musica di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>