Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 24 Luglio 2014

Bookmark and Share

Debutta in prima assoluta a Mittelfest 2014 "Trê Zovini'" tratto dalle opere di Novella Cantarutti

Tre Zovini (foto di Giovanni Chiarot)

Cividale del Friuli (UD) - Ancora attesi appuntamenti in prima assoluta per il calendario di Mittelfest 2014. Venerdì 25 luglio, il Chiostro di San Francesco ospita alle 22.00 il debutto di “Tre Zovini'” liberamente tratto dalle opere di Novella Cantarutti su drammaturgia di Carlo Tolazzi e Massimo Somaglino, che ne firma anche la regia, su musiche di Claudia Grimaz, una produzione CSS-Teatro Stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia con il sostegno di ARLeF. In scena tre donne, le attrici Chiara Benedetti, Sara Rainis e Aida Talliente, che in continuo andare e tornare si trasformano in madri e figlie, in giovani e vecchie, viaggiatrici e stanziali, attraversando il passato e il futuro, la storia e la cultura del mondo antico e duro che da sempre caratterizza i luoghi di montagna.

Le storie della Grande Guerra che hanno fatto da filo rosso durante tutto il Festival saranno rivisitate nella installazione semi-tragica e multivideo di Alfredo Lascosegliaz “L'insostenibile arte della guerra”, una performance, che nel centenario del conflitto mondiale, vuole celebrare la pace e la convivenza tra i popoli. Uno spazio sonoro della durata di quaranta minuti in forma ciclica, la performance viene ripetuta una decina di volte negli spazi delle Officine Ipsia (dalle 15.30). Tre spettacoli di danza per un unico evento saranno al centro di “Tre solo, solo tre” nella Chiesa di Santa Maria dei Battuti (ore 18) con le eccellenze coreografiche in Friuli Venezia Giulia: Francesco Collavino porta in scena “Marginal land-Terra di confine” un viaggio nei luoghi limite dove non è consigliato addentrarsi. Con “Bussola” Sara Grenga si ispira a Siddartha di Hesse e nel suo solo ci parla di un Dio che conforta e infine “Senza sapere né leggere né scrivere” di Giovanni Gava Leonarduzzi un percorso che si snoda a spirale ripetendosi come in un ingranaggio di un orologio, in un continuo e incessante girare.

Da non perdere in prima serata (Chiesa di San Francesco ore 20) il concerto con la musica intuitiva di Markus Stockhausen, figlio del noto compositore tedesco, e affiancato dal clarinetto diTara Bouman , in Moving Sounds” (Il programma del concerto spesso viene deciso in base all'acustica e alle vibrazioni trasmesse dal luogo dove si trovano e dallo stato d'animo di chi ascolta. Musica intuitiva è un termine che deriva dal padre del trombettista, il compositore Karlheinz Stockhausen che ha condiviso con il figlio un quarto di secolo di ricerca nel mondo del suono. Markus Stockhausen utilizza questo concetto al fine di "delimitare" il free jazz, la cui estetica impedisce, a suo avviso, un'appropriata e estensiva ricerca musicale).

E' liberamente ispirato a "Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino" di Carlo Collodi il “Pinocchio” che andrà in scena, nel percorso Mittel_Figura, che questa volta approda allo spazio principale del festival, la centrale piazza Duomo , alle 21.30. Dedicato al grande attore russo Nikolaj Karpov , il progetto dèi Zaches Teatro, con a regia di Luana Gramegna. Dopo una prima fase di lavoro in Russia, che ha visto la creazione di uno spettacolo per ragazzi in co-produzione con il Teatro delle Marionette di Ekaterinburg, Zaches Teatro torna a confrontarsi con il testo di Collodi con l'idea di recuperare la storia originale di Pinocchio, come Collodi l'aveva pensata nel 1883. Una storia cruda e ironica, permeata dal tema della morte e dell'inquietudine.

Per gli appuntamenti con i protagonisti del Festival si chiude "Mittel_Incontri" che vedrà ospiti al Caffè San Marco (ore 12) la coreografa di Ruedis_ruote di confine Marta Bevilacqua, Vanni De Lucia che ha firmato i testi del concerto “Le maghe e l'isola meravigliosa” e gli attori dell'Accademia Nico Pepe di Udine.

Leggi le Ultime Notizie >>>