Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 15 Luglio 2014

Bookmark and Share

FMK-International Short Film Festival 2014: secondo giorno nel segno della Video Arte

FMK 2014

Pordenone (PN) - L’appuntamento con i corti in concorso è anche mercoledì 16 luglio alle 21.00 nell’ex chiesa del chiostro di San Francesco a Pordenone, ma FMK – International Short Film Festival – grazie al sostegno di Banca FriulAdria Crédit Agricole – propone nel calendario di Estate in città del Comune di Pordenone anche il focus sulla Video Arte, diviso nell’incontro “Skipping forward” (alle 18.00) e la prima delle visioni OFF: V.A.I. VideoArteItaliana (alle 23.00). L’incontro con Matteo Cremonesi indaga i nuovi linguaggi video all’incrocio tra arte contemporanea e Internet Culture, membro del collettivo IOCOSE che ha da sempre impiegato il video come strumento con cui dare vita a narrazioni su futuri possibili e presenti alternativi, in bilico tra nuove forme di narrazione, produzione e fruizione video attraverso piattaforme digitali e Internet.

Mentre i numerosi iscritti seguono il workshop di Luca Ciut (compositore specializzato in musica per film, vincitore del Global Music Awards) sulla creazione della colonna sonora, il pubblico potrà intrattenersi alle 19.30 con il dj set di Lara Trevisan che anticipa la seconda tranche del concorso (21.00) con i corti “Isacco”, l’ironica rivisitazione dell’episodio biblico di Federico Tocchella; “Corpometria Descrittiva” di Luca Poldelmengo, la messa in opera di un metodo scientifico che rappresenta il corpo su tre distinti piani visivi; e “Topic#8” di Benna G. Maris in cui si realizza un sovvertimento dell’immagine in movimento. “Slom (Breakdown)” è un onirico sconvolgimento del giovanissimo fumettista e animatore croato David Lovric; e il filmmaker francese prestato alla pubblicità (tra gli altri, di marchi come Lacoste e L’Oreal) Romain Quirot sonda il confine tra sogno e realtà in “Un vague souvenir (Bear in mind)”.

L’olandese Pim Zwier in “Alles Was Irgendwie Nützt (All what is somehow useful)” usa una collezione storica della Martin-Luther-Universität Halle-Wittenberg per trasformare il materiale fotografico nato come documentazione di studi e sperimentazioni zootecniche; “On Loop” permette alla vincitrice del Conran Foundation Award Christine Hooper (Regno Unito) di indagare la tecnica della pixilation, e con “Los Demonios (Demons)” Miguel Azurmendi (Spagna) segue tre amici che vagano per la città in cerca di divertimento tra sobborghi e sorprese.

Da segnare in agenda però c’è anche la prima Visione OFF, V.A.I. VideoArteItaliana, che testimonia la convinzione di FMK che per creare sia necessario imparare a guardare. Questo contenitore multimediale curato da Chiara Moro e Stefano Monti è una vera e propria immersione nel lavoro di 15 artisti, uno sconfinamento in nuovi territori e un’occasione di confronto e positiva contaminazione tra il cortometraggio e la video arte.

Chi volesse può sostenere il festival acquistando la FMpacK Bag (costo 20 euro) che oltre alla borsa con catalogo e programma fornisce tutto il necessario per la sopravvivenza: succo di frutta, la spilla sostenitore FMK, la barretta, i chupachups, un disegno di Alberto Panegos e altro ancora, tutto realizzato ad hoc con una grafica per gli amanti dello short!


INFO/FONTE: Cinemazero Ufficio Stampa

Leggi le Ultime Notizie >>>