Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Musica > 04 Giugno 2014

Bookmark and Share

Al via "Tartini Open Day": tre giorni di lezioni aperte, audizioni e musiconferenze

Tartini Open Day

Trieste (TS) - Si parte domani, giovedì 5 giugno, per portare la città nel cuore della musica, in tre giorni. Tartini Open Day chiama a raccolta i curiosi della sette notte così come i grandi appassionati di ogni età, da giovedì 5 a sabato 7 giugno. Si potranno incontrare i docenti e i giovani musicisti che ogni giorno studiano al Conservatorio e soprattutto si potrà avvicinarsi al mondo della musica: da neofiti, magari, approfittando degli spazi di ‘assaggio’ degli strumenti musicali per capire come ‘suonano’ e decidere magari di iniziarne lo studio. Ma anche da musicofili e appassionati di quanto ruota intorno alle sette note, visto che il pomeriggio di giovedì sarà interamente dedicato alle musiconferenze di esperti e docenti su tematiche suggestive legate alla musica. Dalle 15, nell’Aula Magna del Conservatorio (ingresso libero), si potrà scoprire che il filo rosso della 'buona musica' viaggia da Vivaldi ai Deep Purple...

Le musiconferenze si aprono con Stefano Procaccioli, che interverrà su "Analisi musicale ed espressività, due perfetti sconosciuti?" Subito dopo, Marco Maria Tosolini terrà una lezione su "Poetica e uso dell'orchestra sinfonica nella musica rock: da Vivaldi ai Deep Purple”. Già alla fine degli anni ’60 il fenomeno per il quale le più importanti rock band dell’epoca diedero vita a storiche performances in cui dialogavano con grandi orchestre sinfoniche divenne una sorta di passaggio obbligato. Quasi a voler consacrare un rapporto legittimato fra la più altra tradizione colta e la nuova onda di un rock pervaso da mille stimoli creativi dove, però, la componente progressive aveva presto sdoganato la spontanea rozzezza degli esordi verso traguardi di complessità e legittimazione artistico-culturale. Muovendo da una brevissima riflessione sul senso dell’orchestra barocca prima e classico-romantica poi, la lectio prende in esame le poetiche “sinfoniche” di Beatles, Deep Purple, Uriah Heep, Frank Zappa. Ma uno spazio importante viene dato anche a esperienze nazionali laddove il progressive italiano fu di riferimento europeo: New Trolls, Osanna, Banco del Mutuo Soccorso, PFM. Infine una riflessione sullo “stato dell’arte” attuale in merito a questa “relazione pericolosa” fra orchestra sinfonica e rock band. Fra canto e melodramma, Rosalba Trevisan interverrà di seguito su “Cantanti all'opera: Convenienze e inconvenienze teatrali“. A chiudere lo spazio di musiconferenze, in atmosfere decisamente contemporanee, saranno Stefano Bellon e Nicola Buso, protagonisti di una riflessione dedicata a “Suoni controluce: la composizione incontra le Nuove tecnologie”.

Tartini Open Day 2014, domani dalle 15 alle 19 e venerdì 6 giugno dalle 10 alle 13 offrirà la possibilità di capire come funzionano i Corsi Accademici, che formano musicisti esperti e versatili, in grado di inserirsi in settori professionali in costante evoluzione. In occasione dell’Open Day, in questi orari sono previste lezioni aperte al pubblico, oltre alla possibilità di prenotare un’audizione, con piena disponibilità dei docenti a fornire informazioni e dettagli sui corsi. Prenotazioni: openday@conts.it Info www.conservatorio.trieste.it Decisamente entusiasmante, da seguire e gustare tutta d’un fiato, si preannuncia la maratona musicale che impegnerà dal pomeriggio di giovedì ben 76 musicisti del Conservatorio Tartini in 37 brevi esibizioni dedicate a pagine musicali di grandi maestri, con incursioni nel repertorio contemporaneo. Sarà l’occasione per vedere alla prova solisti ed ensemble che spaziano dal pianoforte ai fiati, dagli archi alle percussioni, dal ‘belcanto’ agli strumenti a corda: appuntamento in Sala Tartini giovedì 5 giugno, dalle ore 15, e venerdì 6 giugno dalle 10. L’ingresso è aperto alla città, info www.conservatorio.trieste.it

Con oltre 100 docenti e 670 studenti iscritti, con oltre 150 eventi musicali pubblici organizzati ogni anno, con la più grande bibliomediateca musicale della regione intitolata a Vito Levi e dotata di oltre 35mila volumi, il Conservatorio Tartini di Trieste, fondato nel 1903 e ricco di 110 anni di storia musicale, vanta diversi “primati”: come il numero diplomati/accademici per anno (39, con + 58,30% rispetto alla media degli altri istituti), il numero studenti iscritti ai corsi accademici (264, + 61,24%), il numero di studenti stranieri (48, + 51,52%) e il rapporto studenti/popolazione che annota 27,63 per 10mila abitanti (ovvero, + 231,29% rispetto alla media).

Leggi le Ultime Notizie >>>