Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 12 Maggio 2014

Bookmark and Share

Vicino/Lontano 2014: antologia aborigena e omaggio al poeta friulano Federico Tavan

Federico Tavan (foto Danilo De Marco)

Udine (UD) - Due importanti eventi culturali martedì 13 maggio alla decima edizione del festival Vicino/Lontano di Udine: alle 18, alla Libreria CLUF di via Gemona, appuntamento con “Inside Black Australia”, traduzione in lingua italiana della prima antologia di poesia aborigena, curata da Kevin Gilbert, poeta, attivista e saggista politico. Inside Black Australia usciva nel 1988, durante i festeggiamenti per i 200 anni dell’insediamento britannico nel continente. Una tappa fondamentale verso l’impegno intrapreso dalle popolazioni aborigene nel faticoso processo di ridefinizione della propria identità. L’antologia è edita dalla casa editrice qudulibri, che pubblica opere di vario genere, nel costante “impegno del linguaggio per una militanza della memoria”. Alla presentazione interverranno il traduttore e curatore Pericle Camuffo, gli editori Simone Cuva e Patrizia Dughero. Pierluigi Pintar leggerà alcuni brani, mentre l’accompagnamento musicale sarà affidato a Martin O’ Loughlin e Giancarlo Lombardi.

Leggere, scoprire, capire Federico Tavan, il poeta friulano scomparso nel novembre scorso. Per la sua capacità di guardare ed evocare il mondo a partire dalla sua condizione di sofferenza, per aver dimostrato che un dialetto delle montagne friulane può essere lingua universale, per la radicalità risanatrice della sua poesia profetica, Vicino/Lontano - in collaborazione con il Comune di Udine – dedica una serata della sua X edizione a Federico Tavan, per ricordarlo e soprattutto per farlo conoscere a chi ancora non abbia incontrato la sua opera e la sua vicenda umana.

Martedì 13 maggio, nella Chiesa di san Francesco dalle 21, il festival Vicino/Lontano 2014 - in cartellone a Udine fino al 18 maggio, con la X edizione del Premio letterario internazionale Tiziano Terzani – presenta “Federico Tavan. Nostra preziosa eresia”. Letture, poesie, proiezioni, teatro e musiche scandiranno la serata: sarà proiettato un cortometraggio emozionante da ritrovare, Al Poeta de li pantianes, video di Paolo Cantarutti e Francesco Lodolo, I° premio alla Mostre dal Cine Furlan (CEC Udine, 1993). Poi la musica con Bum, canzone sul testo di Federico Tavan eseguita da Bande Tzingare e Al podea capitâte ... ovvero le musiche originali Flk su poesie e scritti di Federico Tavan, con proiezione di fotografie di Danilo De Marco elaborate da Andrea Trangoni. Gli attori del Teatrino del Rifo - Giorgio Monte, Francesco Godina e Giuliano Bonanni - presenteranno L’assoluzione, testo teatrale di Federico Tavan, e a fine serata ancora una proiezione, quella di Finendo ... provvisoriamente, frammento dal video di Claudio Tura e Paolo Fratte su con disegni di Diego Longo.

L’omaggio a Federico Tavan proseguirà a Pordenone, sabato 31 maggio e domenica 1 giugno: trentasei ore di spettacoli ed eventi fra le vie del centro e il parcheggio comunale di via Vallona, per far conoscere la poesia e il genio di Federico. Poesia come pane: Dal 12 al 18 maggio la voce della poesia di Federico Tavan e la fragranza del vero pane fresco troveranno casa nei sacchetti poetici distribuiti in tutti i panifici aderenti della città di Udine.

Alla serata “Federico Tavan. Nostra preziosa eresia” partecipano: Bande Tzingare, alias Guido Carrara Musicista in friulano, illustratore, fumettista e animatore di periferie povere, vive tra la Val Tramontina e l’ Argentina. Ha scritto, cantato e suonato con i Mitili FLK e ha realizzato fumetti autonomi o per accompagnare cd. Attualmente gestisce un progetto di Forno Sociale per la panificazione nella sua valle; FLK Band etno-rock friulana formatasi nei primi anni Novanta e considerata una delle maggiori esponenti della Gnove Musiche Furlane (nuova musica friulana). Il gruppo ha pubblicato cinque dischi, l'ultimo dei quali, Dancing Calipso, è del 2008. Dopo molti anni ritornano a comporre musiche originali in ricordo e nel nome di Federico Tavan; Paolo Medeossi, giornalista, al Messaggero Veneto si è occupato di cronaca e cultura. Co-fondatore di vari circoli culturali friulani, è stato fra i curatori dei volumi Nostra preziosa eresia (con P. Cappello, D. De Marco, Forum 2008) e Augh (con A. Colonnello, Biblioteca dell’Immagine 2007) dedicati al poeta Federico Tavan; Aida Talliente Autrice e attrice friulana, ama raccogliere materiali documentari sul campo, secondo percorsi originali di ricerca drammaturgica e di impegno civile. Con questo metodo, ha realizzato di recente Miniere; Teatrino del Rifo Compagnia teatrale che ha iniziato a operare negli anni Novanta a Torviscosa, dedicandosi al teatro di Samuel Beckett e sviluppando progetti di collaborazione con poeti, scrittori, artisti visivi e ensemble musicali del territorio. Per bambini e ragazzi sta compiendo un percorso di teatro sui temi dell’Olocausto, della guerra, del bullismo, della costituzione e realizza anche cicli di letture teatrali dalla Divina Commedia e dall’Orlando furioso.

In occasione del festival Vicino/Lontano 2014, parte importante dell’evento complessivo dedicato al poeta friulano Federico Tavan sarà l’installazione La nâf spaziâl, che è stata inaugurata sabato 10 maggio, alle 19 a Palazzo Morpurgo – Galleria del Progetto. La voce di Federico Tavan, le fotografie di Danilo De Marco e il video collage di Andrea Trangoni costituiscono un insieme inscindibile per rendere omaggio all’ opera poetica di Tavan. La mostra resterà visitabile fino al 15 giugno (venerdì, sabato e domenica dalle 16.00 alle 19.00).

Federico Tavan (1949-2013), il poeta nato e vissuto ad Andreis (Pordenone), cominciò a firmare le sue prime pubblicazioni verso la metà degli anni Ottanta quando, per i Quaderni del Menocchio, uscirono Màcheri, Lètera, Cjant dai dalz e Naf spazial. Da màrches a madònes è del 1994 ed è stato pubblicato dalla Biblioteca dell’Immagine di Pordenone e dallo stesso Circolo culturale Menocchio di Montereale Valcellina. Successivamente, sempre per il Menocchio, sono usciti il testo teatrale L’assoluzione (1994) e Cràceles cròceles (1997). Del 2007 sono Augh, a cura di Aldo Colonnello e Paolo Medeossi (Biblioteca dell’Immagine/Circolo culturale Menocchio) e Paresemple/Parabola nella collana ‘Poesia in viaggio’ del *Menocchio. Nel 2008 il Comune di Pordenone gli ha dedicato una mostra con le fotografie di Danilo De Marco e la pubblicazione del volume edito da Forum Federico Tavan. Nostra preziosa eresia. Di lui hanno scritto Claudio Magris, Franco Loi, Anna De Simone, Erri De Luca e Carlo Ginzburg. “Tavan – ha scritto Gianni Zanolin che di questo omaggio è stato con Danilo De Marco, Paolo Medeossi e Federico Rossi tra i promotori – descrive Andreis non solo come il suo mondo, ma come il mondo in cui si sente prigioniero. Nel contempo riesce in una impresa straordinaria: usa il dialetto friulano di un piccolo paese di montagna come lingua universale, con cui è possibile parlare non solo di tutti i suoi sentimenti, ma in forma poetica di tutto quel che succede nel mondo. E trova progressivamente, grazie alla stima e all’amore di alcune persone, primo fra tutti Aldo Colonnello, la possibilità di far partecipi gli altri di quel suo mondo interiore”.


INFO: www.vicinolontano.it, info@vicinolontano.it, tel. 0432 287171

Leggi le Ultime Notizie >>>