Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 05 Aprile 2014

Bookmark and Share

Cinema e media: nuove frontiere interattive a FilmForum Festival 2014

A Machine To See With

Gorizia (GO) -




Prosegue a Gorizia, fino a venerdì 11 aprile, la 21^ edizione di FilmForum Festival 2014, promosso dall’Università di Udine con la Regione Fvg e la Fondazione Carigo per la direzione artistiica di Leonardo Quaresima e il coordinamento di Sara Martin e federico Zecca. La fase goriziana del festival è come sempre dedicata alla Spring School, una delle punte avanzate della ricerca cinematografica in Italia e in Europa, incentrata sul rapporto fra Cinema e arti visive contemporanee. A Palazzo della Torre si svolgeranno come sempre le sessioni di workshop, e al Kinemax ogni sera le proiezioni del festival.

Domenica 6 aprile, dalle 21 al Kinemax - con ingresso gratuito per il pubblico - i riflettori saranno puntati sulla Serata Transmediale presentata da Sandra Gaudenzi, del Goldsmiths College di Londra: una esplorazione del paesaggio dei media, interattiva nelle sue relazioni con diversi linguaggi, il documentario, l'arte performativa e i social media. Alla Spring School di Filmforum Festival approda dunque il cinema delle nuove frontiere: come la produzione commissionata dal Sundance Film Festival che per la prima volta si presenta in Italia, "A Machine To See With", una straordinaria esperienza di cinema interattivo-locativo, nella quale il giocatore ricopre il ruolo del protagonista. Ci si iscrive online e si da' il proprio numero di cellulare, si viene richiamati in giornata e si riceve un indirizzo a cui recarsi. “A machine To See You” ci mette al centro di una storia poliziesca. “Una voce al telefono: la voce ti dice cosa fare. La voce dice che sei tu il protagonista di un film. Nasconditi in bagno, trova una macchina per fuggire, sorveglia la banca e respira a fondo. Stai per entrare”. E’ il cinema della Blast Theory, un gruppo di artisti di Brighton che unisce media interattivi, trasmissione digitale e performance live. Blast Theory esplora l'interattivita' gli aspetti sociali e politici della tecnologia attraverso una moltitudine di forme, utilizzando la performance, l'installazione, il video e le tecnologie mobili e il web. Il loro lavoro e' collettivo e interdisciplinare.

Fra le proiezioni di domani anche Take This Lollipop (15', Jason Zada, Little Monster – Tool of North America, 2011), cortometraggio horror interattivo del 2011 che è al tempo stesso una app Facebook, ideata e diretta da Jason Zada; The Thing I'll Be Doing For The Rest Of My Life (10mins) 2013, un corto commissionato dalla Triennale Aichi del Giappone, che riprende una folla di persone impegnate nel portare un peschereccio fuori dall'acqua e attraverso le strade di Nagoya. Alma, A Tale of Violence (59 mins., Miquel Dewever-Plana and Isabelle Fougere, Upian, 2012), un documentario web di Miquel Dewever-Plana e Isabelle Fougere, prodotto da Upian: la testimonianza unica di Alma, una ragazza che fece parte per anni di una gang in Guatemala. Un progetto crossplatform che combina una parte web interattiva, una application per il tablet, una versione TV, una mostra di foto e un paio di libri.

INFO: www.filmforumfestival.it

Leggi le Ultime Notizie >>>