Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Universo Buenos Aires: Borges e Piazzolla allo specchio
Parco Coronini Cronberg
Gorizia
Il 22/06/19
Buenos Aires
Note in Città 2019, Stagione concertistica itinerante negli scenari suggestivi di Gorizia e Cormòns
Parco Coronini
Gorizia
Dal 28/06/19
al 13/09/19
Rainbow of Magic Harps
Luigi Merola - Eterogeneo susseguirsi di cementonatura
Spazio Espositivo EContemporary
Trieste
Dal 21/06/19
al 07/09/19
particolare

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Ein Prosit Grado Ein Prosit - Grado
Presso la Diga ed il Lungo Mare "Nazario Sauro" di Grado
Grado (GO)
Dal 12/07/19
al 14/07/19

Notizie > Incontri > 09 Marzo 2014

Bookmark and Share

Alla Leg si presenta il volume “Memorie di guerra. Rodolfo Hofer, 1940-1945”

Memorie di guerra. Rodolfo Hofer, 1940-1945

Gorizia (GO) - 95 mila furono in caduti in Russia durante il Secondo conflitto mondiale, tra quelli che riuscirono a tornare c’era anche Rodolfo Hofer, inquadrato nei ranghi dell’826° Ospedale militare da campo al seguito del Corpo di Spedizione Italiano, il Csir. La sua testimonianza rivive nell’edizione riveduta e ampliata del suo diario che Aviani & Aviani editori ha pubblicato con il titolo “Memorie di guerra. Rodolfo Hofer, 1940-1945” a cura di Paolo Strazzolini e che la Libreria Editrice Goriziana presenterà a Gorizia, in corso Verdi, 67, martedì 11 marzo alle 18.

Ad illustrare l’esperienza di questo soldato, nato nel 1917 da padre austriaco e da madre goriziana, sarà lo stesso Strazzolini, il cui padre Eliseo fu sottotenente chimico-farmacista nello stesso Ospedale da campo in cui operò Hofer. Ciò che quest’ultimo ha voluto fare con questo diario è lasciare una descrizione dal vivo dell’immane sacrificio compiuto dagli eroici uomini del Csir e dell’Armir. Si tratta di un racconto “franco e spontaneo”, come dice l’autore, ricco di anedotti, sensazioni giovanili ed esperienze spesso durissime e tristi: la partenza per il fronte, l’impatto con la guerra, il terrore e la sopravvivenza, il gelo, il rientro dalla Russia e la nuova vita.

Questa edizione è il frutto di un meticoloso lavoro di integrazione del diario originale, già pubblicato con il titolo “Quando i ricordi…Russia 1941-1943, con contributi esterni e con nuove immagini fotografiche che proprio Eliseo Strazzolini ebbe la fortuna di riportare a casa dal Fronte russo e che saranno proiettate durante la presentazione.

Ingresso naturalmente libero e aperto a tutti.


INFO: LEG – Libreria Editrice Goriziana, tel: 0481.33776, leg@leg.it, www.leg.it

Leggi le Ultime Notizie >>>