Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Musica > 12 Febbraio 2014

Bookmark and Share

L'arte servita in tavola: dialoghi tra arte e ceramica. Il caso della Galvani di Pordenone

Fragili tesori. Nei musei veneti, friulani e triestini

Trieste (TS) - Venerdì 14 febbraio alle ore 17, al Museo d'Arte Orientale di Trieste, nuovo appuntamento del ciclo "Fragili tesori. Nei musei veneti, friulani e triestini". Il tema dell'incontro sarà "L'arte servita in tavola: dialoghi tra arte e ceramica. Il caso della Galvani di Pordenone".

Una conversazione sul  servito (o servizio) “buono” da tavola, per il vino, per dolce, per il caffè, per il tea, per i liquori, da regalare o da esibire nelle grandi occasioni, per ricevere degnamente gli ospiti e gli amici… Un sogno (un mito) della società borghese, dalla fine del Settecento ai giorni nostri.

Forme e decorazioni furono progettate anche da artisti di fama, sia presso manifatture artigianali sia presso fabbriche industriali. L’ultimo esempio, in ordine di tempo, è forse “Illy collection”.
La conversazione riguarda esempi di area veneta (Italia Orientale), dalla fine del Settecento agli anni Sessanta, provenienti dalle collezioni del Museo Civico d’Arte di Pordenone, che conserva la memoria della storica azienda Galvani fondata nel 1811 a Pordenone.

Qui, già nel secondo Ottocento, ma in particolare nei primi decenni del Novecento, vennero chiamati e coinvolti  artisti di fama per fornire idee e progetti, da Michelangelo Grigoletti, a Gino Rossi, Giacomo Balla, fino ad Angelo Simonetto e Ruffo Giuntini, per rilanciare a livello internazionale la produzione ceramica friulana.

Relatori: Isabella Reale, storico dell’arte, curatore dei Musei d’Arte di Pordenone.
Vincenzo Sogaro. Collezionista di ceramiche italiane del Novecento, con particolare riferimento alle produzioni di piccola e grande serie dell’area orientale. Collabora con il Museo Civico di Pordenone nel completare l’inventario del fondo Galvani, del Museo di Pordenome

Prossimi incontri: venerdì 21 e 28 febbraio.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>