Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Musica > 28 Gennaio 2014

Bookmark and Share

Il Quartetto d'Archi della Scala apre "Musicainsieme 2014" a Casa Zanussi

Quartetto d'Archi della Scala

Pordenone (PN) - Sarà il Quartetto d'Archi della Scala ad aprire la 37a edizione di "Musicainsieme", il tradizionale appuntamento con la musica classica del Centro Culturale Casa A. Zanussi di Pordenone. Sabato 2 febbraio, ore 11 Auditorium Lino Zanussi, saliranno sul palco Francesco Manara violino, Andrea Pecolo violino, Simonide Braconi viola e Massimo Polidori violoncello con un programma dedicato a Puccini (Crisantemi), Verdi (Quartetto in Mi minore) e Beethoven (Grosse Fuge op. 133). Un ensemble, che per il maestro Riccardo Muti, “è di rara eccellenza tecnica e musicale. La bellezza del suono e la preziosa cantabilità, ne fanno un gruppo da ascoltare con particolare gioia ed emozione”.

Nato nel 1953, nel corso dei decenni il Quartetto d'archi della Scala è stato protagonista di importanti eventi musicali e registrazioni. Dopo qualche anno di pausa, nel 2001, quattro giovani musicisti, già vincitori di concorsi solistici internazionali e prime parti dell'Orchestra del Teatro, decidono di ridar vita a questa prestigiosa formazione, sviluppando le loro affinità musicali già consolidate all'interno dell'Orchestra, elevandole nella massima espressione cameristica.

"Musicainsieme 2014" prosegue con i concerti aperitivo domenica 9 febbraio, in collaborazione con il Conservatorio di Musica Tartini di Trieste e il Trio Rusalka, Karina Oganjan soprano, Martina Rinaldi mezzosoprano e Lucia Zarcone pianoforte, con un repertorio di musiche di Schumann e Brahms mentre domenica 23 febbraio si esibiranno i giovani del Conservatorio di Musica di Venezia, Kalliopi Petrou soprano, Silvia Dell’Agnolo clarinetto e Pietro Semenzato pianoforte con brani tratti da Beethoven, Schubert, Spohr. A chiudere l'edizione 2014 di Musicainsieme il Conservatorio di Musica di Udine con l'Ensemble del Conservatorio Tomadini diretto da Franco Calabretto che proporrà musiche di Saint-Saëns e Poulenc.

“È un Musicainsieme internazionale l’edizione 2014 di concerti dedicati ai giovani musicisti dei Conservatori Musicali – spiega Maria Francesca Vassallo presidente del Centro Iniziative Culturali di Pordenone. A segnare l’importanza della manifestazione, l’apertura è affidata all’eccezionale presenza del Quartetto d’archi della Scala riconosciuto e apprezzato nelle tantissime tournée in Italia, in Europa e oltreoceano. Ringraziamo questi raffinati artisti, che portano le migliori pagine dei grandi compositori in tutto il mondo, per aver accolto l’invito ad essere in qualche modo testimonial di coloro che saranno i veri protagonisti nelle domeniche di febbraio: i giovani dei Conservatori di Trieste, Venezia e Udine”.

La prima formazione del Quartetto d'archi della Scala è storica e risale al 1953, quando le prime parti sentirono l'esigenza di sviluppare un importante discorso musicale cameristico seguendo l'esempio delle più grandi orchestre del mondo. Nel corso dei decenni il Quartetto d'archi della Scala è stato protagonista di importanti eventi musicali e registrazioni. Dopo qualche anno di pausa, nel 2001, quattro giovani musicisti, già vincitori di concorsi solistici internazionali e prime parti dell'Orchestra del Teatro, decidono di ridar vita a questa prestigiosa formazione, sviluppando le loro affinità musicali già consolidate all'interno dell'Orchestra, elevandole nella massima espressione cameristica quale è il quartetto d'archi.

Numerosi i loro concerti per alcune tra le più prestigiose associazioni concertistiche in Italia (Musicainsieme a Bologna, Serate Musicali, Società dei concerti e stagione "Cantelli" a Milano, Associazione Scarlatti a Napoli, Sagra Malatestiana a Rimini, Festival delle Nazioni a Città di Castello, Settimane musicali di Stresa, Asolo musica, Estate Musicale a Portogruaro, Teatro La Fenice e Malibran a Venezia, Ravenna Festival, Amici della musica di Palermo, Teatro Bellini a Catania, Stagione del Teatro alla Scala, Teatro Sociale a Como) e all'estero (Brasile, Perù, Argentina, Uruguay, Giappone, Stati Uniti, Croazia, Germania, Francia, Spagna, Austria).

Hanno collaborato con i pianisti Bruno Canino, Jeffrey Swann, Angela Hewitt, Paolo Restani e Bruno Campanella. Numerose le loro prime esecuzioni di compositori contemporanei (Boccadoro, Campogrande, Francesconi, Digesu, Betta e Vlad).

Nel 2008 fanno il loro esordio al Mozarteum di Salisburgo e nello stesso anno ricevono il premio "Città di Como" per i loro impegni artistici.

Hanno inciso per DAD, per Fone', per la rivista musicale Amadeus, per il giornale "La Provincia" di Cremona suonando i preziosi strumenti del museo, per Rai Radio 3. Nel 2011 il loro disco dedicato ai quintetti di Brahms e Schumann registrato per la Decca è stato recensito con 5 stelle da Amadeus.

Progetto artistico di Franco Calabretto e Eddi De Nadai, coordinamento dell’attività di Maria Francesca Vassallo - info: tel. 0434.553205 - cicp@centroculturapordenone.it

Leggi le Ultime Notizie >>>