Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

vedrai colori che son contenti. elisa vladilo. interventi ambientali 1995-2019
Palazzo Costanzi - Sala Veruda
Trieste
Dal 08/02/20
al 01/03/20
Elisa Vladilo, My favourite place, Trieste, Molo Audace, 2007 (courtesy l'artista)
Lucio Fontana e i mondi oltre la tela
Galleria Comunale d’Arte Contemporanea
Monfalcone
Dal 08/12/19
al 02/03/20
Lucio Fontana, Concetto spaziale, teatrino, 1965-66
A SACILE GLI EX-ALLIEVI DEL TOTI DI TRIESTE CON LA NUOVA ESILARANTE COMMEDIA “LE NOZE DE VIRGINIA”
Teatro Ruffo
Sacile
Il 01/02/20
Scenario_Le noze de Virginia

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
www.castellodibuttrio.it Il the della domenica al castello di Buttrio
Buttrio (UD)
Dal 01/01/20
al 29/03/20
enogastronomia Festa delle Cape
Piazza Marcello D'Olivo - Pineta
Lignano Sabbiadoro (UD)
Dal 07/03/20
al 15/03/20

Cultura > Musica > 25 Gennaio 2014

Bookmark and Share

Giorno della Memoria 2014: concerto al Miela di “musica concentrazionaria” con Davide Casali

Giorno della Memoria

Trieste (TS) - Nell’ambito delle iniziative promosse dal Comune di Trieste per il “Giorno della Memoria”, lunedì 27 gennaio, alle ore 20.30, al teatro Miela, si terrà il concerto di “musica concentrazionaria”, appuntamento a cura di Comunità ebraica di Trieste, Civico museo della Risiera di San Sabba -Monumento nazionale, Associazione “Musica libera” di Trieste e in collaborazione con Festival di musica concentrazionaria “Viktor Ulllmann”.

Il concerto (che avrà una replica riservata alle scuole il 28 gennaio alle 9.30) prevede l’esecuzione da parte dell’Orchestra Abimà (composta per l’occasione da diciannove archi) di partiture per orchestra d’archi di compositori morti nei campi di concentramento, in particolare quei compositori ebrei che furono deportati ed uccisi ma che riuscirono a lasciarci delle composizioni scritte all’epoca della loro prigionia. Si tratta di musica creata in contesti drammatici da uomini e donne di qualsiasi estrazione professionale e artistica, di qualsiasi nazionalità, contesto sociale e religioso che siano stati discriminati, perseguitati, deportati, uccisi o che siano sopravvissuti alla tragedia dei Lager.

Un interesse particolare va verso quei compositori praghesi quali Pavel Haas, Gildon Klein che ci hanno lasciato delle partiture memorabili. È il caso per esempio proprio dello studio per archi di Pavel Haas che è stato scritto per la colonna sonora del film di propaganda tedesca “Il Fuhrer regala una città agli ebrei”- film nel quale si mostrano gli ebrei internati a Terezin che hanno una vita normale all’interno dei campi di concentramento, un pezzo di Aldo Finzi, un pezzo di František Domazlicky (anch’esso prigioniero ad Terezin).

L’Orchestra Abimà, diretta dal maestro Davide Casali, ha già eseguito in passato opere di “musica concentrazionaria” come il “Brundibar” di Hans Krasa e il “Kaiser Von Atlantis” di Viktor Ullmann, compositori entrambi (come anche Pavel Haas) internati a Terezin e morti ad Auschwitz. Il concerto avrà una durata di circa 45 minuti e sarà introdotto dal dott. Alessandro Carrieri dell’Università di Trieste che racconterà la genesi delle opere offrendo cenni sulla vita dei compositori. L’ingresso è gratuito.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>