Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Escher in mostra al Salone degli Incanti
Salone degli Incanti
Trieste
Dal 18/12/19
al 07/06/20
Escher - Salone degli Incanti Trieste
Prima nazionale di Jezabel a Cormons con Elena Ghiaurov
Teatro Comunale di Cormons
Cormons
Il 31/01/20
Jezabel foto di Luciano Perbellini
SUL PALCOSCENICO DI “SCENARIO” A SACILE LA COMMEDIA “MATRIMONIO UGUÁE REBALTÓN CONIUGÁE”
Teatro Ruffo
Sacile
Il 25/01/20
Scenario_Matrimonio uguale rebalton coniugae

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
www.castellodibuttrio.it Il the della domenica al castello di Buttrio
Buttrio (UD)
Dal 01/01/20
al 29/03/20
enogastronomia Festa delle Cape
Piazza Marcello D'Olivo - Pineta
Lignano Sabbiadoro (UD)
Dal 07/03/20
al 15/03/20

Cultura > Musica > 20 Dicembre 2013

Bookmark and Share

A Maniago il Coro e il quintetto d’archi dell’Orchestra San Marco

Orchestra e coro San Marco

Maniago (PN) - Il Coro e il quintetto d’archi dell’Orchestra San Marco si esibiranno sabato 21 dicembre 2013 alle 21.00 nel Duomo di Maniago in un concerto corale eseguito insieme a Maria Pellarin all’arpa, Andrea Tomasi all’organo e alla voce del mezzosprano Gabriela Thierry e del baritono Armando Badia, con la direzione del maestro Maurizio Baldin. Il concerto si compone di alcuni brani di don Antonio Foraboschi – tra cui il Trittico Mariano – e Camille Saint-Saens. Di don Antonio Foraboschi, la cui opera sarà messa in evidenza grazie a questo programma, abbiamo solamente notizie saltuarie.

Originario di Cividale del Friuli nel 1889, dove morì nel 1967, dimostrò interesse e capacità per la musica fuori dal comune. Gran parte della sua produzione è destinata alle cantorie delle chiese, presso le quali prestò servizio come quella di S. Daniele, dove svolse l’incarico di maestro di Cappella, posto già reso prestigioso da Candotti e Tomadini, e ancora la cantoria di Gemona, per la quale nel 1945 scrisse il Mottetto natalizio “Quem vidistis pastores”. Il Breve Trittico Mariano fu composto nel 1948 e si tratta di una composizione la cui struttura è ricollegabile a quella dell’oratorio, anche se per alcuni aspetti si allontana dalla dinamica tradizionale di questa forma. Se l’oratorio si basa generalmente su una “narrazione di fatti”, dobbiamo rilevare che nel Trittico viene meno questa condizione, poiché è prevalente l’elemento allegorico a scapito di quello narrativo. Foraboschi sviluppa pittoricamente il mistero dell’Assunzione presentandolo in “immagini”, proprio come nei trittici delle arti figurative e suddividendolo con una logica quasi teatrale: Dormizione - Assunzione - Glorificazione. L’eloquenza sentimentale e le evocazioni allusive della musica fanno scaturire soprattutto le visioni suggestive, in una sequenza di effetti minuziosamente descritti nella quiete della Dormizione, nei fremiti dell’Assunzione, fino allo scampanio della Glorificazione. Il testo è in latino ed è ottenuto con una successione di versetti sacri, suddivisi in forma di dialogo tra un mezzosoprano (Maria), un baritono (Il Diletto) ed il coro, che di volta in volta personifica gli Angeli, gli Apostoli, e l’Umanità.

Di Camille Saint-Saens invece verranno eseguiti degli estratti dall’oratorio de Noël, destinato a un coro di quattro voci miste, quintetto vocale, quintetto d’archi, arpa e organo. Si tratta del primo dei quattro oratori scritti da Saint Saëns e venne composto dall’autore all’età di 23 anni. Fu redatto nel tempo relativamente breve di undici giorni, precisamente dal 4 al 15 dicembre 1858, giusto in tempo per permettere la prima esecuzione nella notte di Natale dello stesso anno. Il cattolico Saint Saëns trae i suoi testi dalla liturgia latina del Natale, dopo la narrazione del Vangelo secondo Luca, nel quale gli angeli annunciano la nascita del Cristo ai pastori di Betlemme, utilizzando testi tratti dai Salmi, da Isaia e dai Vangeli secondo Matteo e Giovanni: tutti brani che interpretano il mistero del Natale sul piano profetico e teologico.

Chiudono la serata dei classici brani natalizi di Foraboschi, su arrangiamento del maestro Baldin: Mottetto Natalizio “Quem vidistis pastores”, “Adeste fideles” per coro ed orchestra, “Bianco Natale” per solo coro ed orchestra, “Noël” per soli, coro ed orchestra. Il concerto verrà replicato venerdì 27 alle 21.00 all’Abbazia di Santa Maria in Sylvis a Sesto al Reghena.

Leggi le Ultime Notizie >>>