Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Il Rinascimento di Pordenone Con Giorgione, Tiziano, Lotto, Jacopo Bassano e Tintoretto
Pordenone
Dal 25/10/19
al 02/02/20
Mostra Pordenone
PICCOLO TEATRO CITTÀ DI SACILE E UTE DI SACILE E ALTOLIVENZA INSIEME PER L’EVENTO “LEONARDO&FRIENDS"
Palazzo Ragazzoni - Villa Frova
Sacile - Caneva
Dal 17/11/19
al 30/11/19
Leonardo
Concerti Aperitivo: 17 novembre 2019, Gorizia, Trio flauto, viola e violoncello
Palazzo De Grazia
Gorizia
Il 17/12/19
Tommaso Bisiak

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Laguna in Tecja Laguna in tecja 2019
Grado (GO)
Dal 26/10/19
al 15/12/19

Notizie > Incontri > 13 Dicembre 2013

Bookmark and Share

“1914, Trieste deve tornare all’Italia”: proseguono le lezioni di storia al Teatro Verdi

I giorni di Trieste

Trieste (TS) - Proseguono gli incontri di “Lezioni di Storia”, promosse dal Comune di Trieste, ideate dagli Editori Laterza, realizzate con il sostegno di AcegasAps Società del Gruppo Hera e con la collaborazione de Il Piccolo. Nove lezioni per il ciclo “I giorni di Trieste”, affidate ad alcuni tra i maggiori storici italiani e introdotte dai giornalisti Alessandro Mezzena Lona, Arianna Boria, Pietro Spirito, Fabio Amodeo, Claudio Ernè. Fino al 23 febbraio, anche in diretta streaming su www.retecivica.trieste.it/igiorniditrieste o su ilpiccolo.gelocal.it.

Il ciclo di lezioni su “I giorni di Trieste” vuole restituire ad un ampio pubblico la complessità della storia di Trieste attraverso temi che hanno segnato il passato della città e hanno delineato la sua identità storica e culturale, dall’antichità all’età contemporanea.
Prossimo appuntamento: LA CITTÀ IN GUERRA - 1914: “Trieste deve tornare all’Italia” con Mario Isnenghi.

Trieste deve ‘tornare’ all’Italia: questo, prima e dopo il ‘ ’15 -’18’, hanno pensato generazioni di italiani. La buona fede non è però garanzia di veridicità. Trieste incarna allo stesso tempo la ‘realtà’ e il ‘mito’, e la città sognata non era meno vera della città effettiva. Da centinaia di anni il suo territorio faceva parte dell’Impero, ma non lo si voleva riconoscere; e neppure si sapeva quanti sloveni, tedeschi, ebrei, croati, ungheresi lo abitavano. Si voleva credere che tutti fossero sempre stati irredentisti, animati da un solo anelito, da un unanime assenso a far diventare la città il simbolo di una guerra benedetta e voluta.

Mario Isnenghi ha insegnato Storia contemporanea nelle Università di Padova, Torino e Venezia.

Introduce Claudio Ernè.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>