Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 11 Dicembre 2013

Bookmark and Share

Parte da Cinemazero la sesta edizione del Piccolo Festival d’Animazione

Kiosk Still

Pordenone (PN) - Il Piccolo Festival dell’Animazione arriva alla 6° edizione – dal 16 al 30 dicembre – e allarga la rete regionale oltre a Pordenone (Cinemazero), Udine (Visionario) e Trieste (Teatro Miela e Studio Tommaseo) anche a Gorizia (Kinemax), con la possibilità di vedere un calendario occupato da oltre 50 film provenienti soprattutto dall’Europa centro orientale, con una diversa programmazione distribuita nei 4 capoluoghi del Friuli Venezia Giulia. Un vero tour festivaliero che offre un panorama delle produzioni contemporanee di cortometraggi d’animazione, solitamente appannaggio dei grandi circuiti dei Festival Internazionali. Si tratta di animazioni d’autore, spiccatamente originali, molto diverse da quelle che passano nei canali della grande industria del cinema: questa la caratteristica principale del PFA, oltre alla confermata partnership di Animateka Film Festival di Lubiana e la giuria popolare chiamata a votare i lavori presentati.

Si comincia la mattina del 16 dicembre al Kinemax, dove grazie alla collaborazione con Palazzo del Cinema, verrà proposta la sezione AnimaKIDS, con i film dedicati agli studenti delle scuole, elementari e medie superiori, ma aperte a tutti. Da segnalare l’intelligente e ironico "Nyuszi es Oz" (tr.int. Rabbit and Deer) di Peter Vacz, che ha ricevuto tra gli altri premi una Special Mention al Festival di Cannes, accanto a film realizzati da giovani autori italiani, con opere provenienti dal Centro Sperimentale di Cinematografia di Torino e dall’Accademia di Belle Arti di Palermo. AnimaKIDS si replica poi la mattina del 17 dicembre a Cinemazero e il 18 al Visionario.

Più espressamente rivolta ad un pubblico adulto è la programmazione serale, diversificata nei quattro appuntamenti. A Cinemazero il 17 dicembre la scena sarà dei film realizzati da autori molto giovani che hanno ottenuto importanti premi e segnalazioni al Festival di Cannes e di Annecy, caratterizzando la serata per versatilità delle soluzioni e invenzioni poetiche. Film più corposi per durata e sviluppo e realizzati da autori di fumetto, illustratori e artisti, impegneranno i due appuntamenti a Trieste: al Teatro Miela il 18 dicembre e allo Studio Tommaseo il 28 sarà possibile vedere film realizzati da chi svolge anche un’attività artistica o di illustratore, come Danijel Zezelj, Stefano Ricci, Marko Tadic o Simone Massi, giustamente chiamato a realizzare la sigla della Biennale Cinema di Venezia. Durante le serata ci sarà anche l’anteprima del lungometraggio in produzione di Signe Baumane, "Rocks in my Pockest", e il film pilota di Massimo Colella e Giacomo Nanni, "The true story of Mr. Like". Udine chiude il tour il 30 dicembre con le ultime opere di Gianluigi Toccafondo e Roberto Catani e le proiezioni di film provenienti soprattutto dall’area austriaca e tedesca, ma con l’interessante incursione polacca di Wojciech Wojtkowski e del curioso "Astigmatismo" di Nicolai Troshinsky.

La programmazione di Trieste e Udine verrà arricchita anche dal lungometraggio dell’autore di fumetti svedese Max Andersson, Tito On Ice, sorprendente ritratto dei Paesi balcanici che, attraverso autori di fumetto, Zograf, direttori di Festival, Igor Prassel, direttori di centri artistici, Katerina Mirovic e l’icona di Tito, catapulta lo spettatore in un inverosimile itinerario tra il passato e il presente dell’ex-Yugoslavia.


INFO/FONTE: Cinemazero Ufficio Stampa

Leggi le Ultime Notizie >>>