Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 20 Novembre 2013

Bookmark and Share

Alla poetessa Ida Vallerugo il Premio Gilberto Pressacco Maqôr Rusticitas 2013

Ida Vallerugo

Udine (UD) - “Poetessa sublime e sintesi straordinaria nella vita e nelle opere dell’ossimoro gilbertiano rustica raffinatezza”: con questa motivazione la poetessa Ida Vallerugo, annoverata fra le migliori penne poetiche delle generazioni post-pasoliniane, vince il Premio Gilberto Pressacco Maqôr Rusticitas 2013, promosso dall'Associazione Culturale don Gilberto Pressacco con l'obiettivo di evidenziare i valori intimamente collegati alla vicenda del popolo friulano - semplicità, frugalità, onestà, schiettezza, coerenza, rifiuto dei compromessi - sintetizzati nel termine ‘rusticitas’. Caratteristiche che si compendiano nello stile distintivo del Cristianesimo aquileiese delle origini, approfondito nelle ricerche dello studioso friulano Gilberto Pressacco. Ida Vallerugo, fresca autrice del volume Stanza di confine (Crocetti editore) prefatto dal poeta Pierluigi Cappello, scandisce le sue liriche con un peculiare 'sound' poetico: “non più intimistico o crepuscolare come negli epigoni di Pasolini – ebbe a dire Amedeo Giacomini in un incisivo ritratto dell'autrice - e nemmeno quello astrattamente protestatario del neo-realismo, bensì il sound della realtà presente, così duro e amaro da spingerci a trovare le nostre radici non nella storia dei nostri padri e delle nostre madri, ma in quella dei nonni, nella vita di quegli avi che, essendoci ormai tanto lontani, non possono più farci male”.

Il Premio Rusticitas 2013, promosso dal'Associazione don Gilberto Pressacco nell'ambito del progetto Maqôr, ha il sostegno della Federazione delle Bcc del Friuli Venezia Giulia, della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia e della Provincia di Udine, ed è promosso in collaborazione con l'Università degli Studi di Udine e i Comuni di Udine, Codroipo, Sedegliano e Aquileia. Sarà consegnato venerdì 22 novembre, alle 17, nell’Auditorium della Regione di Udine (via Volturno).

«Una donna, una poetessa, che nella vita e nelle opere riassume e interpreta i valori della “rusticitas” gilbertiana: Ida Vallerugo è la personalità che quest'anno abbiamo voluto come nostra vincitrice, dopo aver consegnato il Premio Rusticitas nel 2010 al docente e critico letterario Gianfranco D'Aronco, nel 2011 al fisico e friulanista Sergio Ceccotti, nel 2012 all'allenatore Edy Reja – spiega Flavio Pressacco, presidente dell’Associazione nata nel segno di Gilberto Pressacco – Un file sottile lega la profetica ispirazione di questa poetessa e i temi centrali della ricerca di Gilberto: ambedue coniugano, tradizione e modernità, umiltà e aristocrazia del pensiero, friulanità e universalità. Vorrei ancora ricordare che la suggestione della maratona è fonte di ispirazione proprio di Ida Vallerugo, con la figura centrale del messaggero nei versi de 'La notizia', così ben evidenziata da Pierluigi Cappello nella prefazione a Stanza di Confine, tanto quanto lo fu per Gilberto collegare l’etimo marathon nelle sue ricerche su Maratona, così legata all'etimo del ballo Schiarazzola- Marazzola».

Sarà il giornalista e friulanista Federico Rossi a condurre la cerimonia di premiazione, venerdì 22 novembre, mentre il direttore artistico della sezione prosa del Teatro Giovanni da Udine Giuseppe Bevilacqua terrà una “laudatio” su ispirazione e traccia del poeta Pierluigi Cappello. Particolarmente attesa, al culmine della cerimonia, si preannuncia la lectio magistralis con letture poetiche della vincitrice, Ida Vallerugo. Gli intemezzi musicali saranno a cura del Coro degli ex allievi dell'ITC Zanon, diretto dal maestro Toni Colussi. E' inoltre prevista la proiezione di un breve filmato da I lucs de poesie (Forum edizioni), per la regia di Paolo Comuzzi. Il Premio consiste in un’opera dell'artista Tonino Cragnolini, amico personale di Gilberto Pressacco, ispirato frequentemente dai simboli, dalle suggestioni e dalla tradizione aquileiese. La cerimonia, introdotta dal presidente dell'associazione Flavio Pressacco, prevede inizialmente il saluto dei rappresentanti istituzionali della Regione Friuli Venezia Giulia, della Federazione delle Bcc del Friuli Venezia Giulia, della Provincia, del Comune e dell'Università di Udine.

Ingresso libero (info: www.pressacco.org).


Ida Vallerugo è nata nel 1946 a Meduno (Pordenone), dov'è stata insegnante nelle Scuole Elementari. Ha esordito nella poesia, nel 1968, con La porta dipinta, seguita da Interrogatorio del 1972. Per queste prime poesie, scritte in italiano riceve il premio David. Dopo un lungo silenzio appare Il poema Maa Onda (1997), prima opera in lingua friulana, che nasce dal dolore per la tragedia del terremoto in Friuli e per la morte della nonna. Per i "Quaderni del Menocchio", nel 2009, esce Sul punt di Sydney il vint. Nel frattempo Franco Loi l'ha inclusa nell'antologia Nuovi poeti italiani (Einaudi, Torino 2004).Nel 2010 ha pubblicato Mistral, opera in friulano, che ha vinto il premio Salvo Basso ed è stata segnalata tra i finalisti del Premio Viareggio.

Novantatré poesie sono raccolte nell'ultimo volume Stanza di confine, pubblicato da Crocetti, suddiviso in cinque parti:Terra di dentro che si apre con Qui ho vissuto; Magredo, dove ci sono pietre e rimorsi di vaghe colpe; Viaggio col padrein cui la poetessa di Meduno, nell’affermazione che “qualcosa non torna”, ricorda il padre; Stanza di confine che dà il titolo a tutta la raccolta; Grecia che ha «quella vena asprigna di terre non raggiunte».

Leggi le Ultime Notizie >>>