Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Musica > 13 Novembre 2013

"Il Carso in Corso" ospita il progetto “Kepos” del Zeno de Rossi Trio

Zeno de Rossi Trio

Monfalcone (GO) - Monfalcone, capitale di una nuova jazz age in Friuli Venezia Giulia? Sembrerebbe di si, vista l’assidua presenza in città dei più grandi nomi del jazz italiano. A confermare questo nuovo ruolo pensa ancora una volta "Il Carso in Corso" che giovedì 14 novembre, con inizio alle 20.45 (ingresso libero) presenta il progetto “Kepos” del Trio di Zeno de Rossi (batterista tra gli altri di Vinicio Capossela ed Enrico Rava). “Kepos” è stato scelto dalla storica rivista “Musica Jazz” che lo ha pubblicato nel cd allegato al numero di ottobre 2013 in anteprima nazionale.

Il Carso In Corso, dunque, con la rassegna dedicata alla musica d’improvvisazione Jazz in Progress, la cui programmazione è curata da Giovanni Maier, sta confermando la propria aspirazione a diventare uno dei luoghi regionali di riferimento per l’ascolto della musica di qualità.

Zeno De Rossi, batterista e compositore tra i più versatili dell'attuale scena musicale italiana e co-fondatore dell’etichetta discografica e collettivo creativo “El Gallo Rojo”, presenta dunque il suo nuovo trio che vede la partecipazione dello strepitoso Francesco Bigoni al sax tenore e clarinetto, ferrarese d’origine ma che la musica ha portato a vivere in Danimarca e di Giorgio Pacorig, al piano Fender Rhodes, musicista autoctono che si colloca di diritto, assieme ai suoi due compagni, tra i talenti più apprezzati nell'ambito dell'improvvisazione contemporanea.

Il trio propone le composizioni originali del nuovo progetto, alternandole con brani di Bill Frisell, Elvis Costello, Vic Chesnutt e Robin Holcomb, in un percorso sonoro dinamico ed esplorativo dalle soluzioni inaspettate.

Spiega De Rossi: "con Giorgio e Francesco collaboro da circa 10 anni, condividendo una profonda amicizia che ha spesso trovato espressione in progetti musicali avventurosi, ma non era mai accaduto di suonare tutti e tre assieme in una formazione simile. Quando ho iniziato a concepire questo progetto, ho pensato subito a loro, alla forza espressiva che ciascuno avrebbe saputo far confluire nella mia idea. Mi sento molto fortunato di poter condividere questa nuova avventura con due delle voci più personali nell'attuale scena musicale europea".
Il concerto è introdotto da Luca d’Agostino, noto ai più per la sua attività di fotografo di spettacolo, ma anche preparato giornalista e critico particolarmente esperto in ambito jazz.

Il prossimo appuntamento di Jazz in Progress, ugualmente irrinunciabile, è quello con il trio del sassofonista Sandro Satta, che ha collaborato, tra gli altri, con Pat Metheny e Lester Bowie, in programma venerdì 29 novembre, in un inedito incontro con le immaginifiche percussioni di Zlatko Kaučič e l’estro creativo del contrabbasso di Giovanni Maier.

Informazioni dettagliate su www.ilcarsoincorso.it.

Leggi le Ultime Notizie >>>