Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Incontri > 16 Ottobre 2013

Bookmark and Share

Cooperazione internazionale: il Consiglio d’Europa alla scoperta delle memorie di confine

Associazione Quarantasettezeroquattro di Gorizia

Gorizia e Sempeter (--) - Dopo due giorni di confronto e discussione sui temi della cooperazione internazionale, i rappresentanti del Consiglio d’Europa e le delegazioni di più di quaranta Paesi visiteranno “Topografie della memoria - Museo diffuso dell’area di confine”, un esempio concreto di collaborazione tra Italia e Slovenia applicato a uno dei temi più delicati che caratterizza il territorio frontaliero: la sua memoria storica.

Il Seminario CoE - Strumenti, Metodi e Pratiche per la Cooperazione Transfrontaliera, che si terrà il 18 e 19 ottobre a Gorizia e Sempeter, si concluderà infatti sabato 19 ottobre con una “passeggiata guidata”, aperta a tutta la cittadinanza, attraverso i luoghi delle memorie e le memorie dei luoghi dell’area di confine.

L’intento del progetto – curato dall’Associazione Quarantasettezeroquattro di Gorizia in collaborazione con il Museo Nazionale di Storia contemporanea di Lubiana, l’ISIG e numerosi altri partner italiani e sloveni – è quello di fornire nuovi strumenti e nuovi linguaggi (tecnologici e multimediali) per scoprire i luoghi della memoria non solo pubblici ma anche privati, attraverso i ricordi dei testimoni.

Durante il percorso, che partirà dai Giardini pubblici per concludersi in piazza Transalpina, passando attraverso piazza Vittoria e il valico del Rafut, si cercherà di capire la complessa stratificazione di storie e memorie che segna questi luoghi. Non si tratta di una classica visita turistica, bensì di un percorso tra fotografie, filmati e testimonianze orali che porrà in primo piano le esperienze di vita delle persone che hanno vissuto a Gorizia (e poi anche a Nova Gorica) nella prima metà del Novecento.

Immagini, voci, linee del tempo interattive saranno consultabili su smartphone e tablet grazie alle potenzialità offerte dal “Museo diffuso dell’area di confine”, un innovativo percorso museale transfrontaliero a cielo aperto.

La visita – condotta sia in italiano che in inglese – partirà alle ore 15.30 di sabato dal totem collocato ai giardini pubblici di fronte all’ex Trgovski Dom e sarà un’esperienza partecipata e dialogica, in cui i ricordi delle generazioni più anziane si confronteranno con le esperienze dei visitatori.

A cura di: Alessandro Cattunar, Kaja Sirok e Paola Tarantelli


INFO:
Associazione culturale Quarantasettezeroquattro - Gorizia
segreteria@quarantasettezeroquattro.it

Leggi le Ultime Notizie >>>