Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Incontri > 15 Ottobre 2013

Bookmark and Share

Due conferenze all’Osservatorio astronomico di Farra d’Isonzo

CCAF Circolo Culturale Astronomico di Farra

Farra d’Isonzo (GO) - Accanto al consueto calendario di incontri dell’ultimo giovedì del mese con accademici, divulgatori e ricercatori di fama, quest’anno il Circolo Culturale Astronomico di Farra d’Isonzo ha affiancato il ciclo di conferenze Lo spazio dei giovani, per permettere a promettenti neolaureati, laureandi e studenti di talento di misurarsi nel confronto con il pubblico, spiegando le ricerche che più li hanno entusiasmati nel corso dei loro studi.

Giovedì 17 ottobre 2013 alle 20.30 è in programma il terzo appuntamento con le due conferenze: "Gravità quantistica e buchi neri" della dott.ssa Camilla Santoli e "Modello Standard delle particelle" del dott. Stefano Maurizio, entrambi laureati in fisica.

Gravità quantistica e buchi neri
La fisica moderna si fonda su due rivoluzionarie teorie sviluppate nel corso del XX secolo: la meccanica quantistica e la teoria della gravità di Einstein, detta relatività generale.
Il desiderio di semplificare ulteriormente questo quadro ha spinto i ricercatori ad elaborare un’unica teoria che le comprenda entrambe. Tuttavia, nonostante i tentativi siano stati numerosi, non disponiamo ancora di un simile modello unificato. La soluzione del problema potrebbe emergere dallo studio dei buchi neri, oggetti affascinanti che presentano contemporaneamente proprietà quantistiche e gravitazionali.
Camilla Santoli - Ha frequentato il liceo linguistico "Gabriele D’Annunzio" di Gorizia e conseguito la laurea triennale in Fisica presso l’Alma Mater Studiorum - Università di Bologna con una tesi dal titolo "Gruppi di Lie in meccanica quantistica". Ha frequentato, presso la medesima università, il corso di laurea magistrale in Fisica - curriculum teorico generale, laureandosi con una tesi dal titolo "Generalized uncertainty principle(s) in quantum field theory".

Modello Standard delle particelle
Il miglior strumento che i fisici hanno oggigiorno a disposizione per descrivere il mondo subatomico è dato dal Modello Standard delle particelle elementari. Esso permette di spiegare il comportamento dei costituenti fondamentali della materia i quali, interagendo, danno vita al mondo che ci circonda. Consente inoltre di fare previsioni su fenomeni mai ancora osservati: è quanto è successo con la recente scoperta del bosone di Higgs presso l’acceleratore LHC di Ginevra. Il Modello Standard non è tuttavia una teoria definitiva e rimangono quesiti ancora irrisolti.
Stefano Maurizio - Ha frequentato l’istituto tecnico aeronautico "Alessandro Volta" di Udine e conseguito la laurea triennale in Fisica presso l’Alma Mater Studiorum - Università di Bologna con una tesi dal titolo "Il gruppo delle permutazioni e le sue applicazioni in fisica". Ha frequentato, presso la medesima università, il corso di laurea magistrale in Fisica - curriculum teorico generale, laureandosi con una tesi dal titolo "Nuclear pairing from realistic forces".
L’ingresso è libero e aperto a tutti.

Il 31 ottobre 2013, per gli incontri dell’ultimo giovedì del mese, sempre alle 20.30, ci sarà la conferenza "Fenomeni celesti ad altissima energia" del prof. Alessandro De Angelis, ordinario di Fisica Sperimentale presso la facoltà di Scienze dell’Università di Udine e il Politecnico di Lisbona, e presidente della collaborazione internazionale Magic, il telescopio binoculare da 17 metri per raggi gamma dell’osservatorio di La Palma, nelle isole Canarie.


INFO/FONTE:
CCAF Circolo Culturale Astronomico di Farra * MPC site 595
str. colombara 11, 34072 Farra d’Is. GO, ITALY
sito internet: www.ccaf.it
Facebook: www.facebook.com/ccaf595
email: info@ccaf.it
tel. 0481888540
fax 0230131262

Leggi le Ultime Notizie >>>