Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Universo Buenos Aires: Borges e Piazzolla allo specchio
Parco Coronini Cronberg
Gorizia
Il 22/06/19
Buenos Aires
Note in Città 2019, Stagione concertistica itinerante negli scenari suggestivi di Gorizia e Cormòns
Parco Coronini
Gorizia
Dal 28/06/19
al 13/09/19
Rainbow of Magic Harps
LEONARDO "A TAVOLA CON" IL PICCOLO TEATRO DI SACILE, TRA FRANCIA, SLOVENIA E ITALIA
Palazzo Ragazzoni
Sacile
Dal 21/06/19
al 22/06/19
Leonardo, ultima cena

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Ein Prosit Grado Ein Prosit - Grado
Presso la Diga ed il Lungo Mare "Nazario Sauro" di Grado
Grado (GO)
Dal 12/07/19
al 14/07/19

Notizie > Incontri > 11 Ottobre 2013

Bookmark and Share

Libri: "Autopsia di una vita. Un medico ebreo triestino nell'Italia fascista" di Ugo Samja

La copertina del volume

Trieste (TS) - Venerdì 11 ottobre alle ore 18, in Piazza della Borsa 15 a Trieste, presentazione volume "Autopsia di una vita. Un medico ebreo triestino nell'Italia fascista" di Ugo Samja, a cura di Silvia Bon. Il libro è pubblicato dal Centro Isontino di Ricerca e Documentazione Storica e Sociale.

"La storia di una vita, ma anche la vita della comunità ebraica triestina travolta dalla Storia. La Storia che travolge il protagonista e Lucilla, la compagna della sua vita, e che per noi diventa documento, occasione di riflessione, stimolo a interrogarsi su responsabilità che troppo spesso la memoria collettiva di questo paese ha cercato di eludere. Forse mai è stato spiegato meglio cosa volesse dire essere ebrei a Trieste nel primo scorcio del Novecento ma anche come si viveva a Trieste negli anni del massimo consenso al regime fascista. Le persecuzioni dopo le leggi razziali, l’opportunismo cinico e crudele di tanti, il coraggio della solidarietà di pochi, il silenzio, l’indifferenza spaventosa di troppi. Sulla sua partecipazione alla Resistenza il protagonista dice forse poco rispetto a quanto potrebbe ma Ugo Samaja non pone mai in evidenza il proprio coraggio personale. Come scrive Silva Bon nella sua postfazione: “La lettura del passato cade dall’alto, da una distanza, da un “fuori” che tracciano un disegno, a volte malinconico, a volte disincantato ma sempre sincero, senza mediazioni, senza compromessi”.
(fonte: http://www.istitutogasparini.it)

Leggi le Ultime Notizie >>>