Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Incontri > 16 Settembre 2013

Bookmark and Share

La vicepresidente della Commissione Europea Viviane Reding ricevuta in Municipio

Foto Ufficio Stampa Comune di Trieste

Trieste (TS) - Cordiale incontro ieri sera in Municipio per porgere il benvenuto a Trieste alla Vicepresidente della Commissione Europea Viviane Reding che oggi presiederà alla Stazione Marittima l’evento conclusivo di “Citizens Dialogue-Dialogo con i cittadini - L’Unione Europea incontra i cittadini” in occasione dell’”Anno europeo dei cittadini 2013”.

L’illustre ospite è stata ricevuta dal Sindaco Cosolini e dal Vicesindaco Fabiana Martini, anche nella sua qualità di Assessore alla Comunicazione, Partecipazione e Servizi al Cittadino. Accompagnavano la Signora Reding il Capo della Rappresentanza della Commissione Europea in Italia Lucio Battistotti e il dirigente della Comunicazione Alessandro Giordani.

Nel corso del colloquio il Sindaco Cosolini ha illustrato alla Signora Reding le molte peculiari caratteristiche che fanno di Trieste “una città europea per vocazione e da ancor prima che l’Europa, nel senso moderno, esistesse”. “E ancora e sempre per questo noi continuiamo a lavorare – ha proseguito il Sindaco -, per costruire un continuo dialogo con i cittadini, e con tutte le componenti della città, anche nel senso interetnico qui a Trieste così importante per le diverse etnie che qui vivono e operano. Un dialogo che noi riteniamo essere l’unico modo per restituire credibilità alle istituzioni, necessità oggi ancor più importante di fronte alla evidente crisi in tal senso. Ecco perché abbiamo sposato con piena convinzione un’iniziativa europea che si propone proprio il “dialogo con i cittadini” e non possiamo che essere soddisfatti – ha sottolineato Cosolini - per l’ampio successo che sappiamo esser stato raggiunto nella “tappa” finale triestina di domani, con oltre 800 iscritti partecipanti.

Sui temi di più generale impatto per la città, Cosolini ha spiegato alla Vicepresidente Reding come Trieste, superati i tempi dei “muri” e delle contrapposizioni ideologiche abbia oggi ripreso pienamente tutti i contatti con le Nazioni vicine, innanzitutto quelle con cui abbiamo avuto una passata storia comune (Austria, Slovenia, Croazia), e come da questi riannodati rapporti derivino molteplici fattori positivi, in primis una rilevante ripresa dei flussi turistici. “Unico ma rilevante neo che permane – ha rimarcato Cosolini rivolto all’ospite – è quello delle persistenti significative difficoltà nei collegamenti, in primo luogo ferroviari, sia con l’Italia che con i Paesi “mitteleuropei” più vicini e quindi con l’intera Europa.”

La Vicepresidente Reding ha ascoltato con molta attenzione e interesse l’”illustrazione” proposta dal Sindaco, ponendo anche numerosi specifici quesiti, sia proprio sul tema dei collegamenti, sia su aspetti dell’organizzazione interna della città, in particolare sull’organizzazione scolastica e sulle modalità da noi adottate per l’integrazione tra bambini di diverse provenienze; e, infine, mostrandosi molto interessata e ammirata per la nostra storia e attualità di città multietnica e multireligiosa.

Al punto che, in conclusione del colloquio, e poi firmando il Libro d’Oro degli Ospiti illustri del Municipio, ha voluto dire che “Non si sarebbe potuto scegliere un luogo più appropriato per concludere la manifestazione ‘L’Unione Europea incontra i cittadini’, se non questa Città che l’Europa ha riaperto”. E scrivendo ancora “Grazie per l’accoglienza in questa meraviglia della Storia del nostro Continente”.


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Comune di Trieste

Leggi le Ultime Notizie >>>