Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Mille sfaccettature della commedia al Nuovo Teatro di Gradisca
Nuovo Teatro Comunale di Gradisca
Gradisca d'Isonzo
Dal 28/09/19
al 03/04/20
Hollywood Burger
Goriza, Palazzo De Grazia: Apertura delle iscrizioni ai corsi di musica gratuiti
Palazzo De Grazia
Gorizia
Dal 09/09/19
al 30/09/19
Scuola di Musica Palazzo De Grazia
Mostra “Sogni di latta… e di cartone. Tabelle pubblicitarie italiane 1900-1950”
Palazzo Polcenigo – Fanna
Cavasso Nuovo
Dal 23/06/19
al 06/10/19
mostra

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
mostra formaggio a Enemonzo Mostra Mercato del Formaggio e della Ricotta di Malga
Enemonzo (UD)
Dal 06/09/19
al 15/09/19

 

Notizie > Incontri > 25 Settembre 2007

Bookmark and Share

“Oltre l'ignoranza dell'Europa": dibattito con Vittorio De Seta e Alessandro Gagliardo

I Mille Occhi

Trieste (TS) - Mercoledì 26 settembre, alle ore 11.45 al Caffè Tergesteo, “I mille occhi” presenta “OLTRE L’IGNORANZA DELL’EUROPA”, incontro con Vittorio De Seta e Alessandro Gagliardo.
Dopo la presentazione di Lettere dal Sahara – in proiezione gratuita in 35mm per le scuole e alla presenza del regista - l’autore incontrerà il pubblico per parlare del suo nuovo progetto: un film su Amilcar Cabral, al centro di una delle sezioni di punta del festival “I politici martiri della liberazione africana: Lumumba, Cabral, Sankara (parte I)”, figura che De Seta incontrò nel 1970 durante il suo viaggio “allo sbaraglio” in Guinea Bissau due anni prima che venisse ucciso per mano di sicari.
Insieme a De Seta incontriamo Alessandro Gagliardo della Malastrada Film che ci presenterà l’ultimo progetto (ancora in corso) dal titolo Même père même mère: sempre seguendo la strada delle produzioni dal basso, un lavoro che nasce grazie
alla coproduzione di centinaia di persone che hanno coperto le quote necessarie alla realizzazione di questo film “collettivo” di quattro cineasti: Christian Consoli, Alessandro Gagliardo, Julie Ramaioli e Giuseppe Spina. Un film di viaggio (in Burkina Faso): spirituale, politico, onirico.

Leggi le Ultime Notizie >>>