Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 12 Agosto 2013

Bookmark and Share

Si chiude a Grado la 10ª edizione di Lagunamovies

Un momento di Lagunamovies 2013

Grado (GO) - Si conclude oggi, lunedì 12 agosto, con pieno successo, la 10ª edizione di Lagunamovies, dedicata a “Volare. Upside down”, di scena da giovedì scorso fra il centro storico di Grado e le isole della Laguna sul progetto curato da Sergio Naitza, Daniela Volpe, Paola Sain e Pietro Spirito, promosso dal Comune di Grado con l’Assessorato alla Cultura della Regione Friuli Venezia Giulia e Banca di Cividale.

«Soddisfatti – si dichiarano i curatori - innanzitutto per aver potuto celebrare adeguatamente la decima edizione, malgrado tagli di contributo quest’anno estremamente penalizzanti. E per aver potuto costruire cinque eventi originali, premiati dal consenso del pubblico, con due percorsi storici e ‘anfibi’ fra terra e mare: Lagunamovies è diventata una speciale ‘macchina del tempo’ per ritrovare i primi fuochi della Grande Guerra in Laguna, proprio sull’isola di Anfora che è abitualmente meta delle escursioni del festival, e per ricostruire l’affascinante storia del bombardiere B-24 affondato al Largo di Grado nel corso della seconda Guerra Mondiale». Due itinerari che saranno senz’altro ripresi in occasione dell’11^ edizione, in programma come sempre nel mese di agosto, intorno a una suggestione tematica che ha già acceso la fantasia dei promotori del festival: “L’araba fenice. Rigenerazione”. «Viviamo tempi che impongono di evolvere e adattarci continuamente all’evoluzione tecnologia e scientifica, ma anche alla difficoltà del vivere, al restringimento spesso di spazi della sfera personale. La contingenza storica ed economica ci obbliga a ripensarci ogni giorno, a ripartire e a ripensare i nostri progetti, a ricostruirci su nuovi presupposti ... Nel 2014 cercheremo di indagare le strade e le declinazioni di una rigenerazione possibile: una ‘nuova via’ che cerchiamo intorno a noi e di cui conosciamo l’esistenza, ma che spesso ci sfugge, diventa imprendibile e inafferrabile. Un po’ come l’araba fenice, appunto …».

A grandissima richiesta, nel 2014 Lagunamovies tornerà sulle Trincee di Laguna: il viaggio fra l’isola di Gorgo e quella di Anfora - con dialoghi, letture e l’happening dell’idrovolante da cui si è persino calato ‘D’Annunzio’ - ha registrato l’entusiasmo del pubblico. «L’anno prossimo – anticipano i curatori – entreremo nel cuore delle celebrazioni per il centenario della Grande Guerra e stiamo progettando per tutto il periodo estivo alcuni eventi dedicati, con base proprio ad Anfora che segnava il confine fra Italia e Impero Austrungarico. Altrettanto richiesta una terza tappa del progetto di turismo e cultura subacqueo ‘In diretta dagli abissi’: stiamo individuando nuovi approdi per coinvolgere il pubblico nelle passeggiate storiche e subacquee sui fondali del Nord Adriatico».

Complessivamente il festival ha registrato circa 2mila presenze fra le tre serate in Diga a Grado – dove il pubblico in piedi si è assiepato intorno ai posti a sedere – e le due escursioni che potevano offrire un numero limitato di posti, ma che sono andate ‘overbooked’. Nel frattempo, per la prossima stagione il festival riprenderà anche con nuova circuitazione lo spettacolo coprodotto con Il Rossetti, “Il mio nome è Nettuno. Storia di naufragi da Ulisse a Schettino”, una pièce di teatro di sabbia che vede protagonista l’attore David Riondino, sul testo originale di Pietro Spirito.

INFO: www.lagunamovies.com

Leggi le Ultime Notizie >>>