Home News & Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Musica > 19 Maggio 2013

Progetto Erasmus: il Tartini si conferma prima realtà di formazione in Italia

Massimo Parovel e Mario Diego

Trieste (TS) - Rinnovate le cariche istituzionali, con la conferma alla presidenza dell’ avv. Mario Diego, è ripartita l’attitivà di formazione del Conservatorio Giuseppe Tartini di Trieste, che registra quest’anno la quota più cospicua - oltre 33.000 euro - del finanziamento ministeriale erogato ai Conservatori italiani a supporto del progetto Erasmus. Trattandosi di un importo direttamente collegato al numero di attività di cooperazione e scambio a livello europeo messe in atto dalle singole istituzioni, il Tartini si conferma al primo posto in Italia per le attività di mobilità internazionale degli studenti e dei docenti. Lo hanno comunicato, al corpo docente del Conservatorio, il Direttore del Conservatorio Massimo Parovel e il neo-riconfermato presidente Mario Diego, in occasione della riunione del Collegio dei Professori del Tartini.

E proprio in questi giorni è arrivata un’ulteriore comunicazione “da primato” per il Conservatorio Tartini, legata sempre all’Erasmus: è stata infatti accolta la candidatura del Tartini, unico Conservatorio in Italia, per l'organizzazione dei Corsi Intensivi di preparazione Linguistica Erasmus (EILC) in italiano per studenti Erasmus stranieri. Un riconoscimento importante, visto che oltre al Tartini e alle tradizionali due Università per stranieri di Perugia e Siena, sono state accolte in Italia solo le candidature delle Università di Salerno e Ca’Foscari di Venezia.

In occasione della Riunione di Collegio, il Presidente Diego ha illustrato le linee del suo impegno per l’Istituto per il prossimo triennio, ponendo particolare accento – con unanime consenso – alle esigenze non più procrastinabili legate alla sede del Conservatorio, in primo piano quelle di ampliamento degli spazi destinati all’attività e allo studio.

«Considero prioritario garantire l’ampliamento della sede del Conservatorio, utilizzando la disponibilità dei nuovi locali al pian terreno e attuando gli intervenenti di insonorizzazione e climatizzazione delle aule – ha dichiarato il Presidente Diego - Il Conservatorio ha urgente necessità di nuovi ambienti che consentano di adeguare l’organizzazione didattica ai livelli previsti dal nuovo ordinamento. Mi auguro poi che si possano recuperare i mezzi finanziari penalizzati dai fortissimi tagli dell’ultimo periodo. Dal canto nostro, garantiamo l’impegno a mantenere gli attuali livelli di eccellenza nella formazione e didattica, e il prestigio acquisito nell'attività produttiva del Conservatorio».

Dopo l’indirizzo di saluto del Presidente, accolto da un lungo e cordiale applauso dei presenti, In apertura di seduta, con viva commozione dei presenti sono stati ricordati due illustri musicisti e docenti del Tartini recentemente scomparsi, Edda Calvano e Dario De Rosa

Leggi le Ultime Notizie >>>