Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 10 Maggio 2013

Bookmark and Share

Con la mostra-omaggio ad Armando Depetris si apre il programma di maggio de "Le Vie dell’Arte"

Armando Depetris. Il mestiere dei pennelli

Monfalcone (GO) - Era il 7 dicembre 2012 quando il primo negozio sfitto è divenuto sede di una mostra collettiva, aprendo così il lungo e riuscitissimo percorso de "Le Vie dell’Arte", una rassegna presentata dal Comune di Monfalcone – Assessorato alla Cultura, Marketing Territoriale e Commercio, Ascom Monfalcone e Mandamento e VivaCentro – Centro Commerciale Naturale Città di Monfalcone, per la cura artistica di Livio Comisso, che continua nella sua opera di riqualificazione del cuore cittadino e di sensibilizzazione nei confronti dell’arte, della cultura, delle iniziative che aggregano nel nome della qualità.

Un successo non soltanto per il livello delle offerte ma anche per il risveglio delle attività cittadine: su dieci negozi presi in carico e restituiti alla città rinnovati e con interessanti proposte artistiche (tre in via IX Giugno, due in via Duca d’Aosta, altri in via Rosselli, Passo del Torrione,via Ceriani e piazza Cavour), ben cinque sono stati affittati e diventati nuovamente attivi.
E, uscendo dall’inverno, nulla di meglio di tanti appuntamenti con l’arte, la musica, la formazione, e nomi di alto calibro, per accontentare ogni tipo di pubblico, con attenzione particolare alle famiglie e alle nuove generazioni.

"Armando Depetris. Il mestiere dei pennelli"
Il programma di maggio inaugura con una vera punta di diamante, un omaggio doveroso a un artista riconosciuto in tutto il mondo e che Monfalcone ricorda e sente vicino con particolare affetto: Armando Depetris. Il mestiere dei pennelli è la mostra dedicata all’autore monfalconese a due anni esatti dalla sua scomparsa.
L’idea dell’esposizione (che inaugura l’11 maggio, alle 18.30, nella sala di Galleria Borgo Rosta e prosegue fino al 30 giugno), nasce da una ricognizione sistematica del Fondo Depetris conservato dalla famiglia dell’artista e curato da Marina Dorsi per la parte libraria e documentaria (Depetris era ispettore onorario della sovrintendenza) e da Luca Geroni per la parte artistica.

Intenzione dei curatori è di restituire un’immagine inedita dell’artista, già noto per le sue figure femminili, attraverso un excursus della sua carriera sin dalle origini. A cominciare dagli anni Cinquanta, quando i quadri si ispirano alle poesie di Sandro Penna e lasciano trapelare l’esperienza di scultore, fino alle ultime figure femminili, definite con una perizia tecnica degna dei grandi maestri del passato. Meno nota è la parte in mostra dedicata al paesaggio e alle vedute cittadine, visioni essenziali contraddistinte dalla ricerca di sofisticati cromatismi. In mostra anche il percorso artistico della rappresentazione del corpo femminile, dalla metà degli anni Sessanta, alla fondamentale fase degli anni Settanta, segnata dai viaggi in Romania, nella quale i nudi di donna subiscono un forte processo di astrazione. È tra la fine degli anni Settanta e l’inizio degli Ottanta che si delinea quella tipologia di bellezza femminile che Depetris sostanzialmente dipingerà fino alla fine. Decorativismi klimtiani e la grande tradizione pittorica veneziana del Cinquecento accompagnano rispettivamente gli anni Novanta e la decade successiva.

Ad approfondire il percorso di Depetris due incontri: sabato 18 maggio, alle ore 19.00, Luca Geroni propone una visita guidata. Sabato 25 maggio, sempre alle 19, Marina Dorsi e Livio Comisso incontrano gli amici dell’artista per una serata dedicata all’arte.

Incontri musicali : Red Ronnie, Massimo Parovel con Claudio Formisano e un laboratorio di dj set
(a cura di CAM Arte e Musica)
Mercoledì 15 maggio (ore 18) è il primo dei tre appuntamenti di confronto sulla musica, dedicati principalmente ai giovani che di musica si occupano, ospitati nella location sfitta di piazza Cavour 4.
Per la cura di CAM Arte e Musica, punto di riferimento per la formazione musicale cittadina, sono organizzati tre momenti di approfondimento, il primo dei quali prevede un ospite d’eccezione.
Il 15 maggio, alle 18, infatti, a Monfalcone arriva Red Ronnie, icona della storia musicale sin dagli anni Ottanta, oltre che esperto critico, produttore e “padre” di enormi successi televisivi, primo tra tutti Roxy Bar, oggi un’attivissima web tv (ma anche Be Bop a Lula e Mi ritorni in mente e moltissimi altri).
Una leggenda musicale, dunque, accetta di confrontarsi sulla musica pop-rock degli anni Ottanta per Le Vie dell’Arte: con lui dialoga Gabriele Medeot (direttore del CAM), e moderatore è Marco Bruco Ferri (produttore di Lato B). Ma ogni riferimento biografico e storico di una figura come Red Ronnie potrà trasformare l’incontro in un emozionante viaggio nella recente storia della musica.
Il mercoledì successivo, 22 maggio, stessa ora e stessa location, il fuoco si sposta sul ruolo della musica nelle scuole (siano esse specializzate, scuole pubbliche o Conservatori) e sulla filiera produttiva del campo musicale, con gli interventi di Massimo Parovel, illuminato Direttore del Conservatorio Tartini di Trieste e di Claudio Formisano, presidente di Disma Musica (Distribuzione Industria Strumenti Musicali e Artigianato), sempre al fianco di Medeot e Marco Ferri.
L’ultimo mercoledì musicale, il 29 maggio, ancora in piazza Cavour alle 18, è dedicato a un laboratorio creativo di dj set, nel quale chiunque lo desideri può entrare nel locale e trovare a sua disposizione attrezzature e formatori esperti per cimentarsi in un dj set, a qualsiasi livello.
Il pubblico giovane, dunque, continua ad essere al centro delle tappe de Le Vie dell’Arte.

Nella stessa sede, dal 15 al 30 maggio (l’inaugurazione è contestuale al primo degli incontri, con Red Ronnie) rimangono in esposizione due mostre: London Eyes di Simone Blondeau (un percorso fotografico attraverso la psichedelia degli anni Sessanta, rivisitato grazie a un soggiorno londinese) e 33x3 di Fabio Doria: in 33 vinili originali, a 33 giri, la storia degli ultimi 33 anni di musica indipendente italiana. La mostra rimane aperta dalle 17.30 alle 19.30 da martedì a sabato.

Il giro del mondo in 11 quadri. Una mostra il cui allestimento è un percorso didattico attraverso artisti, musei, stili, periodi storici dell’arte di tutta Europa.
Ed è pensata per i ragazzi più giovani, la mostra firmata da Luca Fasan, che inaugura venerdì 24 maggio, alle 18, nella location sfitta della Galleria Gran Pavese. L’artista monfalconese, con abilità stupefacente per precisione e sensibilità, è autore delle perfette copie di immortali opere di Caravaggio, Raffaello, Rubens, Monet, Picasso, Klimt, Modigliani.
Il giro del mondo in 11 quadri (questo il titolo della mostra) rappresenta un modo diverso, leggero e intelligente, per comprendere le opere, conoscere i musei più importanti del mondo e la storia dell’arte, giocando e viaggiando con la mente attraverso monumenti universali della storia dell’arte pittorica.
Ai giovani (ma non solo!) che vorranno partecipare alla mostra è offerta anche una visita guidata, programmata per giovedì 30 maggio alle ore 18.

La musica dello Gnomo Mirtillo viene da Trieste e porta Le Vie dell’Arte nel Festival di Musica per Bambini del capoluogo giuliano, organizzato da Casa della Musica / Scuola di Musica 55
Cinque artisti (Ornella Serafini, voce e narrazione; Gabriele Centis, batteria; Daniele Dibiaggio, pianoforte, Vincenzo Stera, fiati; Andrea Zulian, contrabbasso) che con suoni, voci, melodie, rumori studiati e calibrati sulla natura nei minimi dettagli , rincorrono lo Gnomo Mirtillo nel bosco, mentre lui cerca la sua nuova casa. Questo spettacolo, atteso nella Galleria di Borgo Rosta (via IX Giugno) mercoledì 22 maggio, alle 16.30, e dedicato ai bambini tra i 3 e i 7 anni, è frutto di un percorso pluriennale di ricerca e di sperimentazione che i docenti di Casa della Musica hanno dedicato alla didattica ed alle forme di comunicazione, di spettacolo per l’infanzia.
Nel corso degli anni, infatti, gli insegnanti della struttura triestina, nota per i suoi percorsi dedicati ai più piccoli, hanno migliorato le strategie e le offerte ai bambini. Lo Gnomo Mirtillo – si narra nello spettacolo – cerca una nuova casa in compagnia di Fata Ornella, sua amica, e passeggia di notte fino alle prime luci dell'alba. I silenzi, i respiri e i suoni della natura accompagnano Mirtillo lungo i sentieri, dove incontra i suoi amici di sempre e con loro scopre le tante sorprese del bosco di notte.

Street Art: graffiti dal vivo, ad opera di un giovanissimo artista, per riempire il muro che costeggia piazza Montes. Un’attività che al centro pone gli interessi di painters, rapper, skater, …
È Giacomo Zorba, il giovanissimo artista (18 anni appena compiuti) chiamato a decorare il muro periferico della piccola piazza Montes, per poter rassicurare un passaggio più piacevole e anche per far riflettere. È, infatti, riferito all’annullamento delle distanze, al sentirsi vicini che si ispira il “graffito” che Giacomo viene a produrre a Monfalcone. Un inizio che potrebbe preludere a nuovi muri, abbattuti dall’arte, dalla riflessione, dalla vivacità dei giovani. Giacomo Zorba viene dal Max Fabbiani di Gorizia, istituto consacrato all’arte, ha seguito diversi corsi di “writing” ed è riconosciuto per la sua bravura in tutta la provincia, dove ha già decorato una decina tra muri, insegne e pannelli.

Una fidelity card per vivere meglio la città
Il Consorzio VivaCentro, che con passione e dedizione dall’inizio del suo percorso si dedica ai progetti di riqualificazione del centro cittadino, il 28 maggio, alle 18, nella Galleria di Borgo Rosta, presenta un’importante offerta per i cittadini che desiderano farsi partecipi degli intenti di VivaCentro. Saranno a disposizione di tutti i clienti ben 10mila tessere (fidelity card) che consentiranno ai possessori non solo un’interessante scontistica e una serie di servizi, ma anche delle agevolazioni e dei vantaggi nell’usufruire di diversi servizi, tutti monfalconesi, offerti da altri enti (culturali e non solo) privati e pubblici della città.
Una fedeltà premiata tutta da scoprire all’incontro in Galleria Gran Pavese.


INFO/FONTE:
Ufficio Comunicazione e informazioni
viedellarte.monfalcone@gmail.com
www.vivacentro.it

Leggi le Ultime Notizie >>>