Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Cultura > Musica > 27 Aprile 2013

Bookmark and Share

Al Tartini l'ensemble da camera vincitore del Premio nazionale delle Arti 2012

Trio Oganjan – Rinaldi – Zarcone

Trieste (TS) - Concerto delle grandi occasioni al Conservatorio Tartini, nella serata di lunedì 29 aprile: di scena, infatti, sarà il Trio rivelazione della scorsa stagione musicale al Tartini, l’ensemble cameristico Oganjan – Rinaldi – Zarcone, nato nel novembre 2011 all’interno del corso di musica da Camera diretto da Fedra Florit. Alle 20.30, nell’Aula Magna del Conservatorio (via Ghega 12) riflettori dunque sul concerto affidato a Karina Oganjan soprano, Martina Rinaldi mezzosoprano e Lucia Zarcone pianoforte, impegnate su pagine musicali di Charles-Marie Widor(Deux duos op. 30), Robert Schumann(Drei zweistimmige Lieder op. 43, Spanisches Liederspiel op. 74), Antonín Dvorák (Moravské dvojzpe.vy - Duetti Moravi).

Ingresso libero previa prenotazione (tel. 040.6724911, info: www.conservatorio.trieste.it).


Il trio Oganjan – Rinaldi – Zarcone debutta in occasione dei concerti de “I Mercoledì del Conservatorio” nell’aprile 2012 con musiche di Brahms e Dvorák. Nel 2012 si classifica al secondo posto nella XXVI edizione del Premio “Lilian Caraian” per la Musica. In ottobre dello stesso anno si classifica al primo posto al Premio Nazionale delle Arti a Torino, nella sezione Musica da Camera.

Karina Oganjan, soprano, nata a Riga (Lettonia) ma di origini armene, ha conseguito il diploma in canto presso il Conservatorio di Udine. Attiva in particolar modo nell’ambito della musica del ’900 e contemporanea, si è esibita in veste di solista con formazioni quali l’Orchestra di Padova e del Veneto, l’Orchestra sinfonica del Friuli Venezia Giulia, l’Ensemble Sentieri Selvaggi di Carlo Boccadoro. Nel dicembre 2006 è stata solista nel “Manfred” di R. Schumann, programmato dal Teatro Nuovo Giovanni da Udine e diretto da Tiziano Severini; nel luglio 2007 e stata Criside nell’allestimento del Teatro Camploy di Verona e del Teatro Romano di Trieste, per la direzione di Luca Pfaff e la regia di Giorgio Pressburger. Attenta alla musica propria delle sue origini ha collaborato come interprete del repertorio armeno e tartaro al fianco di Djivan Gasparyan, Frederic Zigante, Corrado Rojac. Attualmente frequenta il Biennio specialistico al Conservatorio “G. Tartini” di Trieste.

Martina Rinaldi, mezzosoprano, nel 2008 ha iniziato gli studi di canto al Conservatorio “G. Tartini” di Trieste nella classe di Cinzia De Mola. Nella stagione lirica 2009-10 del Teatro “G. Verdi” di Trieste ha interpretato uno dei quattro paggi nell’opera “Tannhäuser” di Wagner, sotto la direzione di N. Bareza. Nel 2011 e stata solista in “Stabat Mater” di Pergolesi, diretto da Riccardo Cossi. Si è esibita in diversi concerti organizzati dal Conservatorio di Trieste, nel 2010 e 2011 in occasione dei concerti estivi presso il Castello di Miramare a Trieste, sia in recital solistico sia con brani d’opera e da camera. Nell’anno in corso in occasione de “I mercoledì del Conservatorio” e stata ancora solista in un concerto con musiche di Respighi, Bellini, Donizetti, Giordano, Saint-Saëns, Cilea, Bizet.

Lucia Zarcone, pianista, ha iniziato lo studio del pianoforte con Cristina Stradolini e poi ha frequentato il Triennio Superiore nella classe di Teresa Trevisan presso il Conservatorio “G. Tartini” di Trieste. Ha suonato in diverse formazioni con le quali si è esibita in varie sedi della Regione, tra cui il Castello di Miramare, “I mercoledì del Conservatorio”, l’Accademia Ars Nova, il Circolo Uffi ciali ed altri. Ha partecipato a numerose masterclass con docenti quali Aquiles Delle Vigne, Fernando Puchol, Jiraceck Von Arnim, Karl Barth, Beatriz Pedrini, Romeo Smilkov, Rosella Clini. Nell’anno 2010-2011 ha frequentato con il progetto Erasmus il “Conservatoire de Rennes” nella classe di Alexandre Leger e si è esibita in varie sedi della città francese. Attualmente frequenta il Biennio Specialistico di II livello presso il Conservatorio di Trieste.

Leggi le Ultime Notizie >>>