Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Universo Buenos Aires: Borges e Piazzolla allo specchio
Parco Coronini Cronberg
Gorizia
Il 22/06/19
Buenos Aires
Note in Città 2019, Stagione concertistica itinerante negli scenari suggestivi di Gorizia e Cormòns
Parco Coronini
Gorizia
Dal 28/06/19
al 13/09/19
Rainbow of Magic Harps
Luigi Merola - Eterogeneo susseguirsi di cementonatura
Spazio Espositivo EContemporary
Trieste
Dal 21/06/19
al 07/09/19
particolare

enogastronomia

Enogastronomia Le tipiche Osmize triestine
varie sedi
provincia di Trieste (TS)
Dal 01/01/18
al 31/12/20
Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/19
al 31/12/19
Ein Prosit Grado Ein Prosit - Grado
Presso la Diga ed il Lungo Mare "Nazario Sauro" di Grado
Grado (GO)
Dal 12/07/19
al 14/07/19

Cultura > Musica > 25 Gennaio 2013

Bookmark and Share

Alessandro Carbonare e Monaldo Braconi grandi interpreti al Teatro Comunale di Monfalcone

Alessandro Carbonare

Monfalcone (GO) - La stagione musicale del Teatro Comunale di Monfalcone prosegue, venerdì 1 febbraio alle ore 20.45, con il concerto del duo composto da Alessandro Carbonare (clarinetto) e Monaldo Braconi (pianoforte), appuntamento che prosegue la ricerca avviata nel corso delle passate stagioni sulla letteratura cameristica degli strumenti a fiato.
Alessandro Carbonare, primo clarinetto dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, già ospite delle stagioni musicali del teatro monfalconese (con il Quintetto Bibiena e in altre formazioni), si presenta per la prima volta in duo insieme a Monaldo Braconi, anche lui attivo presso l’Accademia di Santa Cecilia nella veste di pianista collaboratore.

La prima parte del concerto è dedicata a Schumann e a Brahms. Fu proprio il clarinetto infatti, in particolare il clarinetto dello straordinario strumentista di Meiningen Richard Mühlfeld, a risvegliare una nuova, straordinaria stagione compositiva nel tardo Brahms delle opere 114, 115 e 120.
La seconda parte del programma si articola invece in tre pagine del Novecento: la giovanile Sonata di Bernstein del 1941-‘42, la Sequenza IX per clarinetto solo di Berio del 1980 e la Sonata di Poulenc che fu eseguita a New York nel 1963 da Leonard Bernstein e Benny Goodman.

Il concerto si apre nel segno di Schumann, con l’esecuzione di Drei Fantasiestücke op. 73, brano fra i più significativi della lunga parentesi cameristica che caratterizza la sua attività compositiva a partire dal 1847, parentesi nella quale il rapporto con la concezione musicale romantica è evidenziato da nuove intenzioni formali e da una diversa profondità espressiva.

Di Brahms verrà eseguita la Sonata in mi bemolle maggiore, op. 120 n. 2, fra le ultime del repertorio cameristico brahmsiano, pagina densamente intima e piena di struggente nostalgia; scritta per clarinetto o viola (strumenti il cui timbro grave privilegia la dolcezza e la rotondità espressiva), questa Sonata rappresenta un capolavoro assoluto della più grande scrittura brahmsiana, di cui riporta da un lato il vigore strutturato dell’assetto formale e dall’altro l’intensità di un camerismo intimo.

Ad aprire la seconda parte del concerto è la Sequenza IX per clarinetto solo di Luciano Berio. Le Sequenze di Berio, scritte tra il 1958 e il 1980 per diversi strumenti, sono tutte caratterizzate dal rispetto per lo strumento, da un approccio virtuosistico che estende e amplifica le possibilità dello strumento e dall’imprescindibilità del “gesto”, che diviene parte integrante dell’espressione.

Seguono quindi due Sonate; quella che Leonard Bernstein compose ancora studente, nella quale l’interesse per le sperimentazioni tecniche applicato al linguaggio popolare del suo paese fanno già intravedere sullo sfondo il talento di un compositore originale. E la Sonata di Francis Poulenc, a lui commissionata da Benny Goodman con l’intenzione di suonarla insieme (ma la morte del compositore, nel 1963, non permise di terminare il progetto e fu Bernstein a interpretarla al pianoforte alla Carnegie Hall, tre mesi dopo la scomparsa del maestro francese). Dedicata ad Honneger, amico di Poulenc e con lui attivo partecipe del Gruppo parigino anti-impressionista “dei Sei” (dalle convinzioni del quale deriva la sua musica oggettiva, non rappresentativa), questa Sonata va accostata alla celeberrima per flauto e a quella per oboe, che avrebbero dovuto costituire un intero ciclo di sonate per tutti gli strumenti a fiato, ciclo mai portato a termine per la precoce scomparsa di Poulenc.

I biglietti sono in vendita presso: Biglietteria del Teatro Comunale (tel. 0481 494 664, da lunedì a sabato, ore 17-19)Monaldo Braconi, Ticketpoint di Trieste, Libreria Antonini di Gorizia, ERT di Udine e on line sul sito www.greenticket.it. La Biglietteria del Teatro accetta prenotazioni telefoniche.


INFO/FONTE:
Teatro Comunale di Monfalcone
Ufficio Programmazione e Comunicazione
tel. 0481 494 369 / fax 0481 494 352
teatro@comune.monfalcone.go.it
www.teatromonfalcone.it

Leggi le Ultime Notizie >>>