Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

Notizie > Manifestazioni > 21 Novembre 2012

Bookmark and Share

Inaugurata l'edizione 2012 del "Premio Darko Bratina. Omaggio a una visione" dedicato a Karpo Godina

Karpo Godina

Gorizia (GO) - L'edizione di quest'anno del Premio Darko Bratina. Omaggio a una visione occupa uno posto particolare nella storia del Kinoatelje di Gorizia. Darko Bratina, il fondatore dell'associazione, 35 anni fa radunò intorno a sé i giovani curiosi del Goriziano provenienti dall'Italia e dalla Slovenia, accendendo in loro l'entusiasmo per il cinema. Alla fine degli Anni Settanta i membri del Kinoatelje prendevano parte regolarmente al festival cinematografico a Pola, dove conobbero il giovane e promettente film maker Karpo Godina. I lungometraggi di Godina, caratterizzati da uno sguardo critico e da una sperimentazione del linguaggio (Splav Meduze - La zattera della medusa, Rdeci Boogie – Boogie rosso e Umetni raj - Paradiso artificiale) furono poi presentati in anteprima al pubblico italiano proprio a Gorizia.

Dal 21 al 28 novembre 2012 il Kinoatelje presenterà nuovamente al pubblico le opere di Karpo Godina, il vincitore di quest'anno del Premio Darko Bratina. Omaggio a una visione, in collaborazione con i più importanti enti cinematografici del nostro territorio transfrontaliero (Palazzo del Cinema/Hisa filma, Kulturni dom Gorica, Kulturni dom di Nova Gorica, Slovenski filmski center e Slovenska kinoteka di Ljubljana, Casa del Cinema e Teatro Miela di Trieste, Muzej slovenskih filmskih igralcev a Divaca, Centro Espressioni Cinematografiche di Udine, Art kino Odeon e Festival Kino Otok a Isola). Attraverso il cinema si desiderano promuovere i valori del dialogo interculturale nel nostro territorio transfrontaliero. Tutto l'evento si svolgerà in modalità bilingue.

Karpo Godina è considerato uno degli autori cinematografici sloveni di maggior successo, che ha saputo farsi conoscere anche al di fuori dei confini sloveni. Negli anni sessanta, armato del suo fido Super 8, realizzò una serie di cortometraggi sperimentali senza tempo, con cui si mise a girare per i festival cinematografici jugoslavi, dove conobbe vari colleghi (Zelimir Zlnik, Bato Cengic, Lordan Zafranovic, Dusan Makavejev, Zivojin Pavlovic, Vojko Duletic, Filip Robar Dorin...) con i quali poi collaborò come direttore della fotografia, prendendo parte al movimento critico del cinema jugoslavo. Da regista ha firmato numerosi cortometraggi e documentari nonché tre lungometraggi. Karpo Godina ha sempre conservato il proprio atteggiamento critico, creando nei suoi lungometraggi una sorta di spazio intermedio in cui esprime il proprio rapporto nei confronti del contesto sociale. Nel film "La zattera della medusa" questo spazio intermedio è rappresentato dall’arte figurativa, in "Boogie rosso" dalla musica e in "Paradiso artificiale" dal cinema. I suoi film, per i quali ha ricevuto più di 40 importanti premi nazionali ed internazionali (tra cui anche il Premio Preseren alla carriera nel 2006) sono ancora oggi molto attuali e vivi.

Il nostro viaggio cinematografico tra Slovenia e Italia iniziato oggi, 21 novembre, a Nova Gorica, con la proiezione per le scuole del documentario "Storia del signor P. F.", ritratto di un misterioso ed affascinante cosmopolita e inventore.

Domani, giovedì 22 novembre, nel Palazzo del Cinema di Gorizia, si terrà la masterclass con Karpo Godina e alcuni critici cinematografici e docenti universitari (Sandro Scandolara, Sergio Mattiassich Germani, Joze Dolmark). Il laboratorio La Camera Ottica dell'Università degli Studi di Udine, che ha sede nel Palazzo del Cinema /Hisa filma di Gorizia, presenterà in collaborazione con la Slovenska kinoteka gli ultimi interventi di restauro sui film in 8mm di Karpo Godina. Il direttore dello Slovenski filmski center Jozko Rutar illustrerà i trend della digitalizzazione nel cinema in Slovenia.

Quest'anno collaborano per la prima volta anche alcuni enti sloveni di Isola, città in cui verranno organizzate diverse serate. Come a Gorizia, anche a Isola il pubblico potrà assistere ai cortometraggi e ai film sperimentali di Godina (Zdravi ljudje za razvedrilo – Litania della gente felice, Gratinirani možgani Pupilije Ferkeverk - Il cervello gratinato di Pupilija Ferkeverk, O ljubezenskih vescinah ali film s 14441 slicicami - Sull’arte di amare ovvero Film in 14441 fotogrammi, e altri) in cui l’autore non disgiunge la dimensione poetica da quella politica. Queste opere esprimono una rivolta all’autorità, alla società consumista, alla guerra, allo stato, al potere…

A Isola, Trieste e Divaca presenteremo lo stupendo documentario Abesinija (Abissinia) sulla ferrovia Parenzana, in cui è riconoscibile la fotografia “statica” di Godina e in cui la storia viene raccontata dalle canzoni del cantautore sloveno Iztok Mlakar. Dal 22 al 24 novembre a Isola saranno presentati tutti i lungometraggi di Godina, mentre lunedì 26 novembre a Trieste ci sarà la proiezione de La zattera della medusa.

Il programma si concluderà mercoledì 28 novembre a Udine, dove verrà proiettato l'ultimo lungometraggio di Godina Paradiso artificiale, presentato all'epoca in anteprima mondiale al festival del cinema di Cannes. Il film racconta l'incontro del grande regista tedesco Fritz Lang con il pioniere del cinema sloveno Karl Grossmann.

La retrospettiva sarà accompagnata dal documentario-ritratto di Karpo Godina Karpopotnik (Karpotrotter), opera del giovane regista sloveno Matjaž Ivanišin.

La cerimonia di premiazione si terrà giovedì 22 novembre 2012 alle 20.00 nel Kulturni dom a Gorizia.

Sponsor della manifestazione: Regione Friuli Venezia Giulia, Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, Slovenski filmski center, Mestna občina Nova Gorica, Provincia di Gorizia, Banca di Cividale/Kmecka Banka. Tutta la manifestazione si svolgerà in sloveno e in italiano, i film in versione originale (sloveno) saranno sottotitolati in italiano. Ingresso libero per tutti gli appuntamenti.

Leggi le Ultime Notizie >>>