Oggi Notizie Cultura
Cerca in
Cerca in

oggi in friuli venezia giulia

in evidenza

Le stanze della musica 2017/2018: arpa
Museo Teatrale "C. Schmidl" - Palazzo Gopcevich
Trieste
Il 14/12/17
Arpa (foto Ufficio Stampa Comune di Trieste)
“Le città dell'imperatrice: centri urbani, società ed economia nell'epoca di Maria Teresa d'Asburgo”
Museo Revoltella - Auditorium “Marco Sofianopulo”
Trieste
Il 14/12/17
Foto Ufficio Stampa Comune di Trieste
“L'Inferno di Dante”: proiezione con sonorizzazione dal vivo di Marco Castelli
Biblioteca comunale "Stelio Mattioni"
Trieste
Il 15/12/17
"L'Inferno" film muto di Francesco Bertolini

enogastronomia

Sabato on Wine Sabato on Wine
varie sedi
Gorizia - Pordenone - Udine (--)
Dal 01/01/16
al 31/12/17
Purcit in Staiare Purcit in Staiare
centro cittadino
Artegna (UD)
Dal 01/01/16
al 31/12/17
Magnemo fora de casa Magnemo fora de casa
Ristoranti del Monfalconese
Monfalcone (GO)
Dal 01/01/16
al 31/12/17

Spettacoli > Concerti > Friuli Venezia Giulia > GO > Gorizia

Bookmark and Share

Un aperitivo classico a Palazzo Attems

Trio Joyce (foto Ufficio Stampa Volpe&Sain)

Un aperitivo classico a Palazzo Attems. L’associazione Chamber Music Trieste – in collaborazione con Banca Mediolanum, Gasbena Matica e Pecar pianoforti – organizza, nello storico palazzo goriziano con ingresso libero, tre concerti divulgativi di grande forza comunicativa eseguiti da musicisti giovani e maestri affermati, cui farà seguito un ottimo brindisi con i vini offerti da Livio Felluga.

Si inizia domenica 1 ottobre alle 11 a Palazzo Attems con il Trio Joyce e il Duo Tabolina-Arai: Maria Bertos al clarinetto, Snežana Acimovic al violino Hiromi Arai al pianoforte e la soprano Alina Tabolina, su musiche di Dmitrij Shostakovich, Pëtr Il’ic Ciajkovskij e Aram Khachaturian.

Il Trio Joyce si è formato nell’ambito del Corso di Musica da camera di Fedra Florit al Conservatorio di Trieste. Costituito dalla violinista serba Snežana Acimovic, dalla pianista giapponese Hiromi Arai e dalla clarinettista friulana Maria Bertos, il Trio rappresenta l’incontro e l’unione di culture differenti e dimostra come la musica spesso sia l’unico linguaggio comune in grado di unire popoli tanto diversi. Le musiciste si sono conosciute a Trieste, città famosa per essere crocevia di culture e religioni.

Alina Tabolina, soprano, è nata nell’aprile 1989 a Mosca (Federazione Russa) ed ha studiato canto dapprima con il soprano Tatiana Bogacheva e poi presso l'Università delle scienze umanitarie di Mosca, con Elena Svechnikova. Dal 2015 studia canto al Conservatorio di Musica “G. Tartini” nella classe di Cinzia De Mola e Musica da camera nella classe di Fedra Florit. Nel 2014 ha seguito la master class del mezzosoprano Elena Obraztsova a Mosca, del baritono Giorgio Surian a Trieste e la master class di “Aspetti scenici ed interpretativi nell'opera lirica”, tenuta da Daniela Mazzucato e Max René Cosotti.


Secondo appuntamento domenica 8 ottobre, sempre alle 11 a Palazzo Attems, con il Trio Ermindus formato da Francesco Loi (flauto), ?Guido Ghetti (oboe) ed ?Ermindo Polidori Luciani (pianoforte). I tre musicisti allieteranno la domenica mattina con musiche di Karl Eduard Goepfart, Robert Schumann, François Borne, Jules Demersseman e Félix Charles Barthélemy.

Francesco Loi è il Primo Flauto solista del Teatro dell’Opera di Genova ed è invitato regolarmente a ricoprire lo stesso ruolo anche nell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano e nella Filarmonica omonima. Dopo aver studiato con Salvatore Saddi, si è perfezionato con Massimo Mercelli all’Accademia di Imola ed ha ottenuto il “Premiere prix de virtuositè avec distinction” al Conservatorio Superiore di Ginevra con Maxence Larrieu (1996). La sua attività solistica lo ha portato a suonare con importanti orchestre come “I Solisti Aquilani, la “Camerata strumentale Città di Prato”, “Deutchekammer- virtuosen”, l’Orchestra del Teatro “Carlo Felice” di Genova e l’ “Orpheus Chamber Orchestra” di New York.

Guido Ghetti si è diplomato in oboe al Conservatorio di Verona con Diego Dini Ciacci e successivamente ha ottenuto il diploma con “Premier Prix” sotto la guida di Maurice Bourgue presso il Conservatorio Superiore di Ginevra. Ha collaborato e tuttora collabora con ensemble e orchestre quali i Cameristi della Scala, Kammerorchester Basel, Teatro Regio di Torino, Accademia Bizantina, Teatro Sao Carlos di Lisbona, Orchestre de la Suisse Romande, Orchestra della Svizzera Italiana, Teatro alla Scala, Filarmonica della Scala e Accademia di Santa Cecilia, sotto la direzione di C. Hogwood, G. Rozdestvenskij, K. Petrenko, D. Harding, R. Barshai, E. Krivine, E. P. Salonen, R.Chailly, L. Maazel, G. Dudamel, R. Muti, D. Baremboim, esibendosi in rassegne e festival di Europa, Asia e America. Come solista si è esibito con l’Orchestra Sinfonica di Sanremo, l’Orchestra Internazionale d’Italia, l’Orchestra Bruno Maderna, l’Orchestra del Teatro di Genova, dell’Arena di Verona, l’Orchestra Simon Bolivar e la Kaerntner Symphonieorchester di Klagenfurt. Dal 1999 ricopre il ruolo di Primo Oboe presso il Teatro “Carlo Felice”.

Ermindo Polidori Luciani, diplomatosi con lode a diciannove anni, debutta alla Piccola Scala di Milano nel 1974. Tra i suoi insegnanti figurano Guido Agosti, Riccardo Brengola (per la Musica da camera), Lucia Passaglia, Ludwig Stefanski, H. Czerny Stefanska. Ha frequentato per tre anni l'Accademia Musicale Chigiana di Siena, ottenendo il Diploma d'Onore ed è stato vincitore di numerosi primi premi in concorsi pianistici nazionali. Fin dai primissimi esordi della sua carriera si è intensamente legato alla Musica da camera, attività che lo ha portato in vari paesi Europei. Particolare menzione va fatta alle sue collaborazioni con il Sestetto de “I Solisti di Mosca”, con Kavakos, Watanabe, Fain, Prishe- penko, Gringolds, Faust, Devia, D'Arcanelo, Serra, Quarta, Quartetto di Cremona, Feng, Servile. Nel 2009 ha debuttato a Milano con “I Solisti di Mosca” diretti da Yuri Bashmet.


Concerto finale di "Un aperitivo classico a Palazzo Attems", domenica 15 ottobre, con Mattia Fusi al pianoforte. L’allievo di Siavush Gadjiev eseguirà musiche di Dmitrij Shostakovich, César Franck e Franz Liszt.

Mattia Fusi, nato a Poggibonsi (Siena) nel 1997, ha iniziato lo studio del pianoforte all’età di sei anni con Simona Coco. Nel 2010 si è iscritto al Conservatorio di Firenze, dove ha proseguito i suoi studi sotto la guida di Cecilia Giuntoli, diplomandosi a soli 18 anni con il massimo dei voti e lode. Ha partecipato a master class e seminari tenuti da illustri docenti, fra cui Paolo Bordoni, Alfonso Ghedin, Pietro Rigacci, Bruno Canino, Enrico Bronzi, Yegana Akhundova e Siavush Gadjiev. Attualmente studia con Siavush Gadjiev presso la Glasbena Matica di Trieste.

Ingresso libero.

Info: www.acmtrioditrieste.it


INFO/FONTE: Ufficio Stampa Volpe&Sain

Duo Tabolina-Arai (foto Ufficio Stampa Volpe&Sain)

Un aperitivo classico a Palazzo Attems
Palazzo Attems

Gorizia
GO
Orario - Ingresso: 11.00
Dal 01/10/17 al 15/10/17

Per maggiori informazioni
Sito web: http://www.acmtrioditrieste.it

Vedi Calendario Spettacoli >>>

in calendario